Juve, Quagliarella da sogno

Redazione
05/12/2010

Si è giocata domenica 5 dicembre la quindicesima giornata del campionato di Serie A oggi. Senza “big” in campo per...

Juve, Quagliarella da sogno

Si è giocata domenica 5 dicembre la quindicesima giornata del campionato di Serie A oggi.
Senza “big” in campo per via del nuovo formato “a spezzatino”, nel pomeriggio i riflettori erano puntati sul derby emiliano-romagnolo tra Cesena e Bologna, allo stadio Dino Manuzzi di Cesena. Il Bologna, penalizzato da un punto nella classifica generale per le inadempienze finanziarie della dirigenza, ha comunque trovato la motivazione giusta per mandare ko i cugini romagnoli: 0-2 il risultato finale. 
Merito dell’intramontabile capitano Marco Di Vaio, che raggiunge quota 121 gol in carriera (otto in questa stagione) e trascina la squadra in vantaggio nel primo tempo al 31° minuto. Il raddoppio è stato firmato dal difensore uruguayano Britons all’87°.
Unica nota negativa il ferimento di un tifoso del Cesena fuori dallo stadio. Alcuni tafferugli sono scattati in un parcheggio dove 300 tifosi bolognesi, non in possesso di tessera per accedere alla partita, erano stati tenuti durante la gara. Secondo la ricostruzione, i rossoblù sono venuti a contatto con un gruppetto di inglesi simpatizzanti del Cesena e ne è venuta fuori una rissa. Uno degli inglesi ha dovuto quidni ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Juve, fenomeno Quagliarella

Nel posticipo serale, si sono fronteggiate Catania e Juventus. Allo stadio Massimino, in Sicilia, è andato in onda il Quagliarella show: l’attaccante ha firmato una doppietta, che avrebbe potuto essere tripletta se l’arbitro non gli avesse annullato un gol nel primo tempo.
Insieme alla rete di Pepe, che ha portato i bianconeri in vantaggio su assist di Iaquinta, la Juve ha firma un 3-1 tutt’altro che scontato. I siciliani non avevano subito un gol in casa in tutto il 2009, riuscendo anche a resistere al terremoto Mourinho, l’anno scorso.
Il Catania perde comune con onore: nel primo tempo Morimoto ha comunque buttato la palla in rete.

La Liguria stende la Puglia

Colpo doppio delle squadre liguri contro le pugliesi. Si chiude 3-1 il match tra Lecce e Genoa. Tre reti anche per la Sampdoria che relega il Bari sempre più in fondo alla classifica.
Allo stadio Luigi Ferrari di Genova i doriani non hanno avuto alcuna difficoltà a imporsi sui baresi. Merito del rigore realizzato da Giampaolo Pazzini dopo soli 15 minuti di gioco (frutto oltretutto di una svista dell’arbitro Pierpaoli). E della straordinaria doppietta di Stefano Guberti: ironia della sorta, ex attaccante del Bari che guidò il club all’approdo in A nella felicissima stagione 2008/2009.
Giornata felice per la Sampdoria, che si conferma capace di restare attaccata al treno Champions League anche senza la presenza trascinante di Antonio Cassano. Ma criticata dai tifosi per la scelta di scioperare il prossimo fine settimana. «Vergognatevi» recitava uno striscione appeso sugli spalti.
Anche i cugini del Genoa hanno affossato i rivali pugliesi del Lecce. Qui il merito è stato dell’intramontabile Luca Toni che ha riportato i rossoblu in parità dopo il gol del leccese Ofere. Il raddoppio per il Genoa è arrivato con il difensore Andrea Ranocchia promessa del calcio giovanile, al secondo gol stagionale. Sigla il 3-1 Rossi.

Domenica da ricordare per Mutu e Crespo

Al Franchi di Firenze è ritornato al gol Adrian  Mutu, dopo uno stop durato parecchi mesi. Il fantasista romeno della Fiorentina ha regalato la vittoria alla sua squadra nel match contro il Cagliari, segnando la sua prima rete dopo la lunga assenza per la squalifica per doping. La partita si è chiusa 1-0 per i viola, con la prima sconfitta in panchina del neollanatore dei sardi Roberto Donadoni.
Giornata da protagonista anche per il “vecchietto” attaccante argentino del Parma Hernan Crespo, che è andato due volte in rete allo stadio Tardini di Parma. All’Udinese non è bastato il gol di Di Natale e un generoso rush finale: la partita si è chiusa sul 2-1.
Alle 20.45 scenderanno in campo Catania e Juventus per il posticipo serale.

La classifica

Milan 33
Lazio 30
Juventus 24
Napoli 24
Palermo 23
Inter 23
Sampdoria 23
Roma 23
Genoa 21
Chievo 20
Udinese 20
Fiorentina 19
Catania 18
Parma 18
Cagliari 17
Bologna 16
Brescia 12
Cesena 12
Lecce 12
Bari 10