Kadyrov ha detto di essere pronto a intervenire al fianco dei palestinesi

Redazione
10/10/2023

«Chiediamo la fine dell'escalation», ha dichiarato il leader ceceno. «Sono stato in Israele, con la mia delegazione pacifica abbiamo avuto a che fare con provocazioni». Colpita da un razzo di Hamas la moschea di Abu Ghosh, intitolata al padre Akhmat.

Kadyrov ha detto di essere pronto a intervenire al fianco dei palestinesi

«Sosteniamo la Palestina e chiediamo la fine dell’escalation. Se necessario siamo pronti a inviare le nostre unità in qualità di forze di peacekeeping per ristabilire l’ordine e affrontare chi crea problemi». Lo ha scritto il leader ceceno Ramzan Kadyrov su Telegram. «Faccio appello ai leader delle nazioni musulmane: create una coalizione e chiamate quelli che voi considerate amici, l’Europa e tutto l’Occidente, così almeno non bombarderanno i civili con la scusa di colpire i terroristi», afferma Kadyrov, più volte dato in fin di vita dai media ucraini. «Sono stato in Israele, con la mia delegazione pacifica abbiamo avuto a che fare con le provocazioni», ha aggiunto il capo della Repubblica Cecena.

Israele, Kadyrov ha detto di essere pronto a intervenire al fianco dei palestinesi. Razzo di Hamas colpisce moschea intitolata al padre.
Un edificio di Tel Aviv colpito da un razzo di Hamas (Getty Images).

Il missile di Hamas sulla moschea di Abu Ghosh intitolata al padre

Kadyrov è pronto a schierarsi al fianco di Hamas, insomma. E questo nonostante nella giornata del 9 ottobre un razzo lanciato dall’organizzazione politica e paramilitare islamista abbia colpito la moschea di Abu Ghosh intitolata al padre Akhmat Kadyrov, la seconda più grande di Israele. Il luogo di culto musulmano è stato inaugurato nel 2014: l’amministrazione della cittadina, esempio di coesistenza pacifica tra arabi e israeliani, riferì che la costruzione era costata quasi 10 milioni di dollari, di cui sei milioni forniti dalla Cecenia. Abu Ghosh si trova a pochi chilometri da Gerusalemme: secondo alcuni ricercatori gli attuali residenti sono i discendenti dei ceceni che si trasferirono qui nel XVI secolo, spostandosi all’interno dell’Impero Ottomano.

Almeno un cittadino russo ucciso in Israele, quattro i dispersi

L’ambasciata della Russia a Tel Aviv ha dichiarato che almeno un cittadino russo è stato ucciso e altri quattro risultano dispersi dopo l’attacco di Hamas. La Russia ha chiesto alle forze israeliane e palestinesi «di cessare il fuoco immediatamente, rinunciare alla violenza e mostrare la necessaria moderazione».

LEGGI ANCHE: Le pesanti responsabilità di Netanyahu sulla guerra Israele-Hamas