La crisi ha colpito il Nord

Redazione
28/09/2010

Nel 2009, la crisi economica ha colpito più il Nord che il Sud Italia. È questa la fotografia scattata dall’Istituto...

Nel 2009, la crisi economica ha colpito più il Nord che il Sud Italia. È questa la fotografia scattata dall’Istituto centrale di statistica (Istat) nello studio «Principali aggregati dei conti economici regionali».
Secondo l’Istat, nel 2009 il Prodotto interno lordo, cioè la ricchezza prodotta dal Paese, si è ridotto del 6% nel Nord-Ovest, del 5,6% nel Nord-Est, del 3,9% nel Centro e del 4,3% nel Mezzogiorno. La media del calo nazionale è pari a -5%
Lo stesso discorso si applica al Pil per abitante ai prezzi di mercato, misurato dal rapporto tra Pil nominale e numero medio di residenti nell’anno, dove alla flessione del 3,7% a livello nazionale corrisponde un calo più contenuto nel Mezzogiorno (-2,7%) e al Centro (-2,9%), mentre è più marcato nel Nord-Ovest (-4,6%) e nel Nord-Est (-4,5%).
In valori assoluti, il Pil ai prezzi di mercato per abitante del Centro-Nord continua a essere molto più elevato di quello del Sud: 30.036 euro nel Nord-Ovest, 29.746 euro nel Nord-Est e 28.204 euro nel Centro, contro i 17.324 euro del Mezzogiorno. La crisi, tuttavia, ha livellato un po’ lo storico divario.