La dieta a zona

Redazione
07/12/2010

  La dieta a zona Per rimanere in forma mantenendo un peso ideale significa rispettare alcune semplici regole che dopo...

La dieta a zona

 

La dieta a zona

Per rimanere in forma mantenendo un peso ideale significa rispettare alcune semplici regole che dopo un breve periodo di prova diverranno a far parte direttamente del vostro stile di vita. Qui sotto la top ten dei consigli per restare in forma e perdere il grasso in eccesso. 

1.  Mangiare almeno cinque – sei volte al giorno (tre pasti principali e due – tre spuntini)

2. Fare colazione entro mezz’ora dal risveglio e consumare l’ultimo spuntino della giornata entro la mezz’ora prima di coricarsi. Anche l’attività fisica deve essere accompagnata da un’occhio di riguardo alla Zona. Consumate uno spuntino un’ora prima di cominciare lo sforzo e uno venti minuti dalla fine.

3. Non lasciare mai passare più di cinque ore fra pasti e spuntini. Cercate di programmare bene la distribuzione dei pasti nell’arco della giornata.

4. Mangiate esattamente la quota di blocchi ottenuta in base al vostro fisico e al vostro consumo giornaliero (vedi il metodo a blocchi), nè di più, nè di meno. Comunque non mangiate mai meno di 11 blocchi al giorno.

5. Cercate di non mangiare mai più di 5 blocchi per pasto o meno di un blocco per ogni spuntino. La quantità assoluta di zuccheri introdotta con un pasto più abbondante di 5 blocchi, anche se bilanciata, provoca una secrezione insulinica troppo massiccia.

6. Tenete d’occhio l’indice glicemico dei carboidrati che consumate. Limitate pane e pasta e favorite frutta e verdura.

7. Bevete molta acqua – almeno 2 litri al giorno. Il corpo umano è costituito per oltre il 70% di acqua e la Zona combatte la ritenzione idrica. Quindi l’acqua che viene perduta va assolutamente ripristinata. Bevete un bicchiere di acqua anche mezz’ora prima di sedervi a tavola.

8. Rimanente in costante ascolto del vostro corpo. Annotatevi i pasti che provocano i migliori effetti sul vostro fisico (assenza di fame, buona concentrazione ed energia dopo alcune ore dal pasto) e utilizzateli per ritrovarne di nuovo gli effetti.

9. Regolate continuamente in base alle risposte del vostro fisico il bilanciamento dei tre macronutrienti. Se dopo il pasto vi sentite affamati, ma svegli, allora avete consumato troppe proteine; se vi sentite affamati e stanchi avrete consumato troppi carboidrati. Apportate lievi modifiche ai pasti e di volta in volta annotatevi i risultati e aggiustate le vostre ricette.

10. Imparate ad aver coscienza dei cibi che consumate, anche fuori casa. Anche al supermercato per esempio, imparate a tenere d’occhio le etichette nutrizionali e a scartare i cibi meno bilanciati o sfavorevoli.