La Moratti condannata

Redazione
08/10/2010

La corte dei Conti meneghina ha condannato in appello il sindaco di Milano Letizia Moratti, a pagare un risarcimento di...

La corte dei Conti meneghina ha condannato in appello il sindaco di Milano Letizia Moratti, a pagare un risarcimento di 50 mila euro, per aver causato un danno erariale di 185 mila euro allo Stato. La sentenza arriva dopo 6 anni di iter processuale in cui il primo cittadino è stata accusata durante il suo incarico di ministro dell’Istruzione, di aver affidato nel 2001 una consulenza alla società di revisione Ernst&Young. Lo ha riferito l’agenzia Radiocor, venerdì 8 ottobre.
La consulenza era finalizzata alla riorganizzazione del Ministero ma è stata giudicata “inutile” e “antigiuridica” dalla magistratura contabile che valuta la condotta della Moratti “contraria alla legge, con colpa grave e produttiva di danno erariale per 185mila euro”, cioè l’ammontare della consulenza stessa. Esprimendo un giudizio di “riprovevolezza” nei confronti dell’attuale sindaco di Milano, per avere “gravemente sottovalutato gli interessi pubblici”, la Corte dei conti l’ha così condannata a risarcire 50 mila euro.