«La zia sapeva cosa fecero a Sarah»

Redazione
19/10/2010

Cosima Serrano, la zia di Sarah Scazzi, «sapeva quello che suo marito Michele Misseri e sua figlia Sabrina avevano fatto...

«La zia sapeva cosa fecero a Sarah»

Cosima Serrano, la zia di Sarah Scazzi, «sapeva quello che suo marito Michele Misseri e sua figlia Sabrina avevano fatto alla nipote». Sarebbe questa la convinzione degli inquirenti dopo l’interrogatorio del 18 ottobre della donna, durato circa tre ore. Secondo fonti qualificate, citate dall’agenzia Ansa, al momento tuttavia Cosima non è indagata. Infatti non sarebbero ancora emersi elementi che possano far ipotizzare un suo coinvolgimento, superiore al favoreggiamento, che in ambito familiare non è punibile.
Intanto il generale Luciano Garofalo, ex comandante del Ris di Parma e consulente dei legali della famiglia Scazzi, ha riferito che già dalla prossima settimana potrebbero essere svolti accertamenti irripetibili nonsolo sul telefonino di Sara Scazzi, ma anche su altri reperti all’esame del reparto investigazioni scientifiche di Roma. 
La relazione già consegnata in Procura dal Ris riguarda infatti solo gli accertamenti e i rilievi compiuti prima del 7 ottobre, giorno in  cui venne fermato Michele Misseri dopo la confessione dell’omicidio. Sul telefonino di Sara, fatto ritrovare il 29 settembre scorso dallo stesso Misseri in mezzo a un campo, sono state trovate impronte diverse.