Sui laghi italiani 2,5 rifiuti per ogni metro quadrato di spiaggia

Sui laghi italiani 2,5 rifiuti per ogni metro quadrato di spiaggia

06 Agosto 2018 11.15
Like me!

Una media di 2,5 rifiuti per ogni metro quadrato di spiaggia. È il risultato del monitoraggio condotto da Legambiente sui laghi italiani Iseo, Maggiore, Como, Garda e Trasimeno. Anche in questo caso la plastica si conferma la "regina" dell'inquinamento con una quota del 75,5% sui materiali ritrovati, a dimostrazione che il problema non riguarda soltanto i mari e gli oceani.

L'indagine di Legambiente fa il punto sulle principali criticità che minacciano i nostri laghi e i loro ecosistemi: scarichi non depurati, rifiuti in acqua, perdita della biodiversità, cementificazione delle coste, captazione delle acque, incuria. Dopo la plastica, tra i materiali più trovati ci sono vetro e ceramica (10,3%), seguiti da metalli (4,7%) e carta (4,1%).

TROPPI MOZZICONI DI SIGARETTA

Sul podio dei rifiuti i mozziconi di sigaretta, al primo posto con una percentuale del 29,4%. Poi i frammenti di plastica, ovvero i residui di materiali che hanno già iniziato il loro processo di disgregazione. A seguire bottiglie e pezzi di vetro (7,4%), sacchetti di patatine e dolciumi (5,6%), bastoncini per la pulizia delle orecchie (3,5%), frammenti di carta (3,34%).

PESA LA CATTIVA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

La cattiva gestione dei rifiuti urbani è la causa principale dell'inquinamento sulle sponde dei laghi monitorati, dal momento che il 63% degli oggetti ritrovati è riconducibile ad essa. Questa categoria comprende sia gli imballaggi alimentari sia i mozziconi di sigaretta, ma anche accendini, pacchetti di sigarette e imballaggi dei pacchetti.

IL NODO DEGLI SCARICHI NON DEPURATI

Legambiente ha inoltre eseguito campionamenti dell'acqua in 17 laghi italiani situati in sei regioni: Piemonte, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Umbria e Lazio. Nel 55% dei casi le analisi hanno evidenziato la presenza di cariche batteriche oltre i limiti di legge, a causa di scarichi fognari non depurati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *