Lambro pattumiera, nuovi sversamenti

Redazione
07/12/2010

È un’agonia senza fine quella del Lambro, il fiume che tocca Milano maledetto per anni come un ricettacolo di veleni,...

Lambro pattumiera, nuovi sversamenti

È un’agonia senza fine quella del Lambro, il fiume che tocca Milano maledetto per anni come un ricettacolo di veleni, poi teatro di coraggiosi tentativi di risanamento e ora di nuovo preso di mira in una serie inquietante di sversamenti illeciti. Gli ultimi due si sono succeduti nel giro di poche ore martedì 7 dicembre. Il primo si è verificato a Briosco, in frazione Fornaci, dove sono intervenuti gli agenti di Polizia Provinciale e i tecnici del Settore Ambiente e dell’Arpa, insieme con i Sommozzatori della Protezione civile per un inquinamento verosimilmente causato da idrocarburi.
Il secondo è stato individuato più a valle: si tratterebbe di un altro sversamento, probabilmente verificatosi da un collettore nella zona industriale tra Arcore e Villasanta, che ha provocato la formazione di una spessa coltre di schiuma bianca sulla superficie.
Il presidente della Provincia di Monza, Dario Allevi ha lanciato un appello: «Il Lambro non è la pattumiera della Brianza, ma una risorsa del territorio. I continui episodi degli ultimi mesi sono da condannare quali veri e propri attentati al patrimonio naturale della Brianza».