Le pagelle degli Usa sul governo spagnolo

Redazione
06/12/2010

I cablogrammi del dipartimento di Stato americano passano in rassegna l’establishment spagnolo. A rendere noti i giudizi è il quotidiano...

Le pagelle degli Usa sul governo spagnolo

I cablogrammi del dipartimento di Stato americano passano in rassegna l’establishment spagnolo. A rendere noti i giudizi è il quotidiano El Pais, in un articolo del 6 dicembre.
Nei dispacci si leggono valutazioni sugli uomini più in vista del paese iberico. Secondo gli americani, José Luis Zapatero è «un politico astuto, con una oscura abilità, come un felino nella giungla, per fiutare opportunità o pericoli». Qualcuno, aggiungono, che può essere «pericoloso sottovalutare». E il vicepremier Alfredo Rubalcaba è un uomo «molto capace e serio», nonché «il più intelligente del governo». 
Un ruolo speciale nelle pagelle dell’ambasciata statunitense è riservato al re Juan Carlos. Di lui si dice che «può essere un formidabile alleato» per gli Usa, verso cui è «ben disposto, pur facendo sempre gli interessi della Spagna». Secondo i diplomatici americani, il re «ha una influenza su Zapatero, quando vuole usarla» e ha con il premier «un rapporto di rispetto».
I cablogrammi contengono anche indicazioni su come trattare in modo più efficace con il primo ministro. Zapatero «è un uomo che senza dubbio capisce gli spagnoli» ma «sopporta male che gli fa la lezione su qualcosa». Per «interagire con lui nelle riunioni», spiegano i documenti, «il modo migliore è essere cordiale e rilassato, ed essere disposto a fare qualche battuta all’inizio». 
I complimenti si sprecano per il vicepremier Rubalcaba, il nuovo uomo forte del governo spagnolo. L’ambasciata Usa di Madrid lo descrive come «molto capace e serio, e anche uomo di fascino». Aggiungendo che si tratta del «membro più influente del governo Zapatero, un alleato molto utile e potente».
Conosciuto «per la sua intelligenza, per la discrezione, la mole di lavoro, l’attenzione ai dettagli, è un grande negoziatore», ed è «una delle due-tre persone che Zapatero consulta prima di prendere decisioni importanti».
Meno convinti i commenti su altre persone della “corte” di Madrid: José Blanco, ministro dei Trasporti e numero due del Psoe, viene descritto come uno «non affidabile, non guarda negli occhi gli interlocutori». Il ministro della difesa Carme Chacon  è descritto come «giovane e inesperta, si concentra sui piccoli dettagli».