Salvini è pronto ad andare al Quirinale per aprire la crisi di governo

Il leader leghista potrebbe recarsi al Colle già nella sera del 18 luglio. Chiesto un incontro urgente a Mattarella. La fine dell'esecutivo sembra questione di ore.

18 Luglio 2019 18.45
Like me!

Appena sbarcato a Roma di ritorno da Helsinki, Matteo Salvini si è recato a Lecco per un comizio della Lega. Rumors che provengono dal Colle e da via Bellerio dicono che il Capitano avrebbe chiesto un incontro urgente a Sergio Mattarella per discutere della situazione di stallo che si è creata nel governo. Fonti del Colle riferiscono che l’incontro dovrebbe avvenire nella giornata di venerdì 19 luglio. Gli scenari che si profilano sono mutevoli, compresa la crisi di governo e la richiesta di tornare al voto. Qualcosa in questa direzione potrebbe essere anche annunciata a breve via Facebook. Ipotesi che gioco forza finiscono per intrecciarsi al fatto che proprio nelle prossime ore, il 20 luglio, scade l’ultima finestra utile per tornare al voto a settembre. 

La situazione nei Palazzi della politica romana è paradossale. E si muove su due livelli. C’è quello prettamente istituzionale dove, a livello parlamentare, i peones della maggioranza lavorano a stretto contatto e in armonia, come dimostra l’iter spedito che a Montecitorio sta registrando il decreto sicurezza tanto caro a Salvini. Poi c’è quello dei leader – lo stesso Salvini, Luigi Di Maio e Giuseppe Conte – che non si risparmiano bordate a mezzo stampa. Con il leader leghista che da Helsinki ha fatto sapere che avrebbe disertato il Consiglio dei ministri e il vertice sulle autonomie previsto per il 19 luglio e l’altro vicepremier che ha convocato i suoi fedelissimi in un incontro a porte chiuse per decidere il da farsi. Senza parlare delle nuove rilevazioni dell’Espresso sul Russiagate, nel quale si pubblicano documenti per provare che nel febbraio scorso il duo Gianluca Savoini e Gianluca Meranda avrebbe bussato alle porte del colosso del gas Gazprom per una vendita all’Eni (il Cane a sei zampe ha smentito) nel tentativo di recuperare una forte commissione, che – stando alle intercettazioni del Metropol – doveva poi essere girata alla Lega.

LE TENSIONI CRESCENTI SUL VOTO IN EUROPA

Proprio il Capitano ha aperto la giornata tuonando: «Cinque stelle e Pd? Da due giorni sono già al governo insieme, per ora a Bruxelles. Tradendo il voto degli italiani che volevano il cambiamento, i grillini hanno votato il presidente della nuova Commissione europea, proposto da Merkel e Macron, insieme a Renzi e Berlusconi. Una scelta gravissima, altro che democrazia e trasparenza». Parole alle quali Di Maio ha risposto via Facebook: «Capisco che si attacchi il M5s per fare notizia e coprire le inchieste sui finanziamenti alla Lega, ma questa è una falsità. È un attacco grave che io non posso permettere». Per poi concludere: «Sono stufo, se la Lega vuole far cadere il governo lo dica chiaramente e se ne prenda la responsabilità». Ma le dichiarazioni che hanno più incancrenito la situazione sono quelle che il premier Conte ha scritto in una lettera a Repubblica e con le quali non soltanto ha svelato che tutta la maggioranza era concorde nel votare all’Europarlamento la fiducia a Ursula von der Leyen, ma ha anche detto che il voltafaccia della Lega potrebbe indebolire le possibilità di strappare una poltrona di primo piano nel governo Ue.

Da via Bellerio spiegano che proprio la partita europea – più dei ritardi alla flat tax o alle autonomie – rischia di essere la pietra tombale del governo

Da via Bellerio spiegano che proprio la partita europea – più dei ritardi sulla flat tax o sulle autonomie – rischia di essere la pietra tombale del governo. C’è il sospetto che il fronte Conte-M5s non solo voglia acuire l’isolamento del Capitano in Ue, ma anche puntare a indicare il commissario europeo. Dal fronte grillino confermano soltanto che – al momento – la strategia è quella di sottolineare la vittoria del Movimento in Europa e la difficoltà dell’alleato a mandare un suo uomo a Bruxelles.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *