Cosa ha in mente la Lega nel piano per Roma

Il Carroccio lavora a un progetto che prevede poteri speciali per la Capitale. L'obiettivo è bypassare la Regione nell'accesso ai fondi europei e per i trasporti. Oltre a misure straordinarie per i rifiuti.

24 Aprile 2019 17.04
Like me!

Ottenuto lo stralcio al Salva Roma, la Lega lavora a un suo progetto che prevede poteri speciali per la Capitale. La proposta di legge che lo contiene potrebbe essere presentata in parlamento, con l'avallo di Matteo Salvini, già prima delle Europee.

Annunciato, in contrapposizione proprio al Salva Roma, il piano «di assetto istituzionale» postula la possibilità – ad esempio – di bypassare la Regione nell'accesso ai fondi europei e per i trasporti. Per il capogruppo del Carroccio in Comune, Maurizio Politi, «il problema di Roma non è in sé il debito storico, ma la riforma istituzionale che purtroppo il sindaco Raggi non è stata in grado di proporre seriamente al governo. Noi come Lega con l'ok di Salvini stiamo lavorando a una proposta autonoma che presenteremo e contiamo venga approvata dal parlamento per dare veramente a Roma oltre che le risorse anche i poteri istituzionali. Ci vuole una risposta organica».

ACCESSO DIRETTO AI FONDI EUROPEI E DEL TRASPORTO PUBBLICO

I leghisti del territorio, che si sono confrontati sul tema con Salvini nella recente riunione al Viminale, ritengono in primis che la Capitale vada «estrapolata dall'area metropolitana, sorpassando la legge Delrio» e aprendo contemporaneamente il tema delle competenze con la Regione Lazio. La città, poi, dovrebbe avere «accesso diretto ai fondi europei e a quelli del trasporto pubblico. I finanziamenti del governo devono arrivare direttamente a Roma Capitale in modo da poter fare un vero piano del trasporto pubblico in sinergia gomma-ferro».

POTERI STRORDINARI PER I RIFIUTI

Nel progetto rientrano anche i rifiuti, con «poteri straordinari» che consentirebbero a Roma «di puntare su un settore e poi poter agire velocemente. Noi», ha spiegato Polito, «abbiamo proposto la termovalorizzazione e questo permetterebbe di realizzare impianti, pubblici, in maniera più rapida e senza il tam tam Regione-Comune». Alla questione della sicurezza urbana si sta lavorando parallelamente, con una mozione, corposa, che verrà sottoposta a breve all'Aula Giulio Cesare. Questo, in sintesi, il contenuto: «Il contratto servizio della polizia locale andrebbe equiparata a quello delle forze ordine e questo permetterebbe di utilizzare maggiormente gli agenti anche per la pubblica sicurezza. Si tratta ovviamente di una questione nazionale, che vogliamo porre forti di una presa di posizione da parte dell'Aula Giulio Cesare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *