Un nuovo caso di migranti dispersi in mare al largo della Libia

Un nuovo caso di migranti dispersi in mare al largo della Libia

10 Aprile 2019 06.51
Like me!

Ci sono otto persone disperse in mare al largo della Libia, secondo quanto riferito da Alarm Phone, che la mattina del 10 aprile 2019 intorno alle 6 ha ricevuto una telefonata da un gommone in difficoltà con a bordo una ventina di persone, tra cui donne e bambini.

Secondo quanto riferito dai migranti, otto persone sarebbero disperse e il gommone starebbe imbarcando acqua. Tutte le autorità, sostiene Alarm Phone, sarebbero state informate. «È necessario un intervento urgente per salvare queste persone», è stato l'appello lanciato da Mediterranea Saving Human. Alarm Phone ha twittato: «La barca sta andando alle deriva vicino alle frontiera libica-tunisina. Le autorità di #Tunis, #Valletta e #Roma sono informate. A #Tripoli nessuno è raggiungibile, non c'è da stupirsi: c'è una guerra in corso. Chiediamo immediato lancio di operazione Sar!».

LA GUARDIA COSTIERA LIBICA: «STIAMO INTERVENENDO»

Dal canto suo la Guardia costiera libica ha detto che sta provando a salvare i migranti: «Sono in corso sforzi per soccorrerli», ha dichiarato Ayob Amr Ghasem, il portavoce della Marina libica da cui dipende la Guardia costiera. Ghasem, contattato telefonicamente dall'Ansa, si è riferito esplicitamente al sos lanciato dall'imbarcazione al largo di Abu Kammash, località situata a una ventina di chilometri dal confine con la Tunisia.

L'ALTO COMMISSARIO ONU PER I RIFUGIATI: «NON RIMANDATELI INDIETRO»

Vista la delicata situazione di instabilità, la Libia è stata indicata dall'Alto commissario dell'Onu per i rifugiati, Filippo Grandi, come «un posto che non offre sicurezza», motivo per cui «abbiamo detto per lungo tempo che la gente non deve essere mandata indietro lì». Grandi ha parlato il 9 aprile con i giornalisti al Palazzo di Vetro e ha risposto così a una domanda sulla decisione del governo italiano di chiudere i porti e rimandare i migranti in Libia. Grandi ha aggiunto: «Quello che è accaduto negli ultimi giorni rende il tutto ancora più ovvio visto che abbiamo dovuto far andar via alcuni nostri colleghi, ciò mostra quanto è pericoloso il Paese». L'Alto commissario Onu per i rifugiati ha poi ribadito che «la situazione in Libia è molto complessa, molto seria. Supporto pienamente l'appello del segretario generale Guterres per la fine delle ostilità e ho detto al Consiglio di sicurezza che spero saranno uniti e forti nel cercare la fine delle ostilità». Infine un monito: «Se gli scontri continueranno a Tripoli e dintorni ci saranno più sfollati, e questo deve essere evitato a tutti i costi. Abbiamo già visto che ci sono nuovi sfollati con le ostilità in corso, e tutto il lavoro che abbiamo iniziato a fare con i migranti e i rifugiati bloccati in Libia, soprattutto ora che è più difficile per loro andare verso l'Europa, è in pericolo. Se non possiamo essere presenti, non possiamo fare questo lavoro».

TONINELLI: «SBARCHI IN CALO DELL'80-90%»

Intanto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli a Di Martedì in onda su La7 ha parlato così del problema migratorio: «Nei primi tre mesi del 2019 rispetto ai primi tre mesi del 2018 c'è stato un calo tra l'80 e il 90%. Mi sento particolarmente orgoglioso di aver partecipato a questa attività perché meno barconi partono dalla Libia e meno morti ci sono. L'Italia, grazie a un'azione politica forte, in legalità e in sicurezza, è diventata centrale in Europa», ha aggiunto. Parlando nello specifico della Libia, il ministro ha detto che «io non mi sento responsabile di ciò che sta accadendo in Libia perché è stato causato da quelli che si definivano esperti della politica». Toninelli ha quindi assicurato che «continueremo a far rispettare la legalità, le convenzioni internazionali del mare che sono legge per l'Italia e per tutti i Paesi, il problema va affrontato a livello europeo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *