Liceo del Made in Italy, al via le iscrizioni mentre alcuni parlano già di ‘flop’

Redazione
23/01/2024

Da martedì 23 gennaio sulla piattaforma Unica del Ministero dell'Istruzione ci si potrà registrare per il prossimo anno scolastico. Al momento sono solamente 92 gli istituti approvati, mentre alcune regioni non hanno aderito.

Liceo del Made in Italy, al via le iscrizioni mentre alcuni parlano già di ‘flop’

Da martedì 23 gennaio, sulla piattaforma Unica del Ministero dell’Istruzione, sono aperte le iscrizioni al nuovo liceo del Made in Italy per il prossimo anno scolastico. Sono in totale solo 92 i licei a indirizzo Made in Italy sinora approvati sul territorio nazionale: nel dettaglio, 17 saranno attivati in Sicilia, 12 in Lombardia e nel Lazio, nove in Puglia, otto nelle Marche e in Calabria, sei in Abruzzo, cinque in Toscana, tre in Liguria, Piemonte e Veneto, due in Molise e solamente uno in Basilicata, Emilia-Romagna, Sardegna e Umbria. L’elenco non comprende le 22 scuole per cui la Regione Campania non ha ancora autorizzato l’avvio del liceo del Made in Italy. Nel resto d’Italia, sono sei gli istituti scolastici che, pur avendo presentato domanda, non erano in possesso dei requisiti richiesti. Numeri bassi che i sindacati già definiscono un flop.

LEGGI ANCHE: Si fa presto a dire Made in Italy: qual è lo stato del fare impresa nel nostro Paese

Meno del 30 per cento degli istituti hanno aderito

Molte sono state le polemiche che hanno riguardato al costituzione del nuovo liceo, soprattutto per il poco tempo che le scuole hanno avuto per aderire (la legge è stata approvata a fine dicembre) e per le poche informazioni sulle materie del nuovo indirizzo scolastico pensato dal ministro Giuseppe Valditara. Secondo i dati forniti dai sindacati, più dell’80 per cento delle scuole ha rifiutato di avviare la sperimentazione. Come scrive Il Manifesto, il ministero probabilmente era a conoscenza della ‘riluttanza’ delle scuole considerato che ha prorogato la scadenza per l’adesione di tre giorni e poi, secondo diversi docenti, avrebbe cominciato a «incalzare» le dirigenze dei singoli istituti. Sui social, inoltre, ha iniziato a circolare il piano di studi del liceo del Made in Italy, e molti utenti hanno notato come le materie previste nel biennio siano pressoché le stesse degli altri licei a indirizzo economico-sociale. Mentre ancora non si hanno informazioni rispetto alle materie del triennio.