L’Italia si conferma eccellenza europea nel settore del riciclo dei rifiuti

Redazione
21/11/2023

Il Paese recupera il 51,4 per cento dei materiali di scarto urbano e il 72,8 per cento degli imballaggi, attestandosi tra i Paesi Ue più virtuosi e in linea per il raggiungimento degli obiettivi al 2025 e al 2035.

L’Italia si conferma eccellenza europea nel settore del riciclo dei rifiuti

L’Italia si conferma eccellenza europea nel settore del riciclo dei rifiuti, pienamente in corsa per il raggiungimento degli obiettivi Ue al 2025 e al 2035. Il riciclo dei rifiuti urbani ha raggiunto quota 51,4 per cento (l’obiettivo del 2025 è 55 per cento), quello degli imballaggi il 72,8 per cento (ben oltre il target del 65 per cento al 2025). Maggiore impegno servirà per dimezzare, di qui al 2035 la quota di rifiuti che oggi finiscono in discarica, il 20,1 per cento.

L’Italia è tra i nove stati Ue più virtuosi nel riciclo dei rifiuti

Lo ha rivelato il rapporto annuale L’Italia che ricicla di Assoambiente, l’associazione delle imprese di igiene urbana, riciclo e bonifiche. L’Italia di fatto rientra tra i nove Stati membri dell’Ue virtuosi nella gestione dei rifiuti. Sono ben 18 (tra cui anche Francia, Spagna, Portogallo e Svezia) quelli che risultano ancora lontani dal raggiungimento dei target definiti. Addirittura otto Stati membri collocano ancora in discarica più del 50 per cento dei propri rifiuti urbani. Nel report di quest’anno Assoambiente ha inserito dieci richieste per le istituzioni nazionali ed europee: sostegno ai materiali riciclati, quote di riciclato nei prodotti, Iva agevolata per le materie ottenute dal riciclo, recupero energetico complementare al riciclo, iter autorizzativi più rapidi e certi, ecodesign, nuovi schemi di responsabilità del produttore di beni, decreti End of Waste, regole comuni nella Ue sul trasporto dei rifiuti, e una maggiore chiarezza nell’impianto di regole disegnato da Arera e applicato dalle varie amministrazioni pubbliche.