Lo Giudice collabora con la giustizia

Redazione
15/10/2010

Antonino Lo Giudice, il boss della ‘ndrangheta che ha deciso di collaborare con la giustizia, ha affermato di essere l’organizzatore...

Lo Giudice collabora con la giustizia

Antonino Lo Giudice, il boss della ‘ndrangheta che ha deciso di collaborare con la giustizia, ha affermato di essere l’organizzatore degli attentati alla procura generale di Reggio Calabria e all’abitazione del procuratore generale Salvatore Di Landro.
Lo Giudice ha detto anche di essere stato lui a fare collocare nei giorni scorsi un bazooka davanti alla sede della Dda di Reggio Calabria.
«Lo Giudice» ha detto il procuratore Giuseppe Pignatone, «ha chiesto di collaborare con la giustizia. Si è accusato di gravi reati ed ha anche affermato di essere l’organizzatore degli attentati alla procura generale, all’abitazione del procuratore generale di Reggio e di avere fatto collocare un bazooka nei pressi degli uffici della procura della Repubblica».
Undici kalashnikov sono stati trovati dalla squadra mobile a Reggio Calabria grazie alle rivelazioni del boss. I kalashnikov, secondo quanto riferito da Lo Giudice, rappresentavano l’arsenale della cosca ed erano stati lasciati in un’armeria del capoluogo calabrese per evitare che fossero trovati dalla polizia in occasione di perquisizioni.
E’ stato interrogato anche di Luciano Lo Giudice, fratello di Antonino, che si è avvalso della facoltà di non rispondere.
Da lunedì 18 ottobre a Reggio arriverà l’esercito che effetuerà il servizio di vigilanza su quattro obiettivi sensibili.