L’odissea sulla A1 vale 300 euro

Redazione
23/12/2010

Tre scaglioni dove gli automobilisti saranno suddivisi in base al tempo che sono rimasti bloccati sull’autostrada del Sole nella notte...

L’odissea sulla A1 vale 300 euro

Tre scaglioni dove gli automobilisti saranno suddivisi in base al
tempo che sono rimasti bloccati sull’autostrada del Sole

nella notte venerdì 17 e sabato 18 dicembre
: in questo modo
la società Autostrade per l’Italia risarcirà gli
automobilisti rimasti bloccati sull’A1 venerdì scorso per
l’ondata di maltempo con rimborsi massimi di 300
euro. È questo l’esito dell’incontro tra la
società e le associazioni dei consumatori.
Fra venerdì 17 e sabato 18 dicembre, Italia ed Europa hanno
vissuto ore di gravi disagi a causa della paralisi dei trasporti
provocata dal maltempo.
La morsa del gelo non ha dato tregua e il ghiaccio ha bloccato
strade, autostrade e aeroporti (guarda il video sul freddo).
Migliaia di auto sono state bloccate per circa venti ore sulla
A1, dalle 15 di venerdì, dopo le abbondanti nevicate (guarda la
gallery sui disagi in
autostrada
). E inevitabili sono scoppiate le polemiche con il
capo della Protezione Civile Franco Gabrielli che ha accusato gli
italiani di non aver ascoltato gli allarmi di questi giorni.
Mentre c’è già chi ha proposto a una class-action contro le
concessionarie autostradali.
CONCILIAZIONE PER I CASI PARTICOLARI In base
all’accordo raggiunto, il pedaggio verrà rimborsato, previa
autocertificazione, a tutti coloro che sono rimasti bloccati
sull’autostrada A1 nel tratto Valdarno-Firenze Sud. Il
risarcimento della tariffa autostradale sarà esclusivo per chi
è rimasto bloccato fino alle 20, mentre oltre al rimborso del
pedaggio, è previsto un ulteriore indennizzo di 100 euro in
Viacard per chi è rimasto fermo dalle 20 alle 23 e di 300 euro
in contanti per chi è rimasto bloccato oltre le ore 23. Casi
particolari saranno invece affrontati in sede di
conciliazione.