Londra e Berlino, 007 contro Assad

Redazione
20/08/2012

Intelligence tedesca e inglese al lavoro insieme per combattere il regime di Assad. Il servizio segreto della Regina, il celebre...

Londra e Berlino, 007 contro Assad

Intelligence tedesca e inglese al lavoro insieme per combattere il regime di Assad.
Il servizio segreto della Regina, il celebre MI5, e il Bnd tedesco starebbero svolgendo un’azione combinata per fornire informazioni e, secondo i media dei due Paesi, supporto agli insorti siriani.
Come riportato da Repubblica, Inghilterra a Germania starebbero collaborando per abbattere il regime utilizzando tecnologie sofisticatissime, oltre ai droni da spionaggio della Us Air force. 
ALLEANZA SUL POSTO. L’alleanza sarebbe operativa, sul posto. Una nave-spia della Bundesmarine, la marina tedesca, è ormeggiata al largo della costa siriana con a bordo gli apparati di sorveglianza lontana più  moderni, sviluppati in collaborazione con il Regno Unito. Sarebbe  in grado di controllare i movimenti delle truppe di Assad fino a seicento chilometri in profondità nel territorio siriano, per trasmetterli in tempo reale ai coleghi tedeschi, inglesi e americani. Un ufficiale statunitense ha dichiarato che «nessuno servizio segreto occidentale ha fonti così buone in Siria come il Bnd».
COLLABORA ANCHE LA TURCHIA.Anche la Turchia, in sordina, ha preso parte a questa alleanza. Secondo il giornale tedesco Bild, la base di Adana ospiterebbe diversi agenti segreti di Berlino, pronti a intercettare telefonate e comunicazioni radio del regime. Gerhard Schindler, presidente in pectore dell’intelligence tedesca ha dichiarato che grazie a questa sinergia «Il regime di Assad è ormai prossimo alla fine».
Sempre Repubblica ha riportato come lo Special air service, corpo speciale britannico, starebbe addestrando i migliori reparti delle forze ribelli siriane. Per il Times, gli agenti speciali inglesi hanno raggiunto le basi turche da Cipro per penetrare in Siria e ed entrare in azione.
Gli 007 della Regina hanno già aiutato e dato supporto logistico ai rivoluzionari diverse volte, come in occasione di un’imboscata tesa a 40 blindati di Assad.