La Lega potrebbe sostenere Von der Leyen presidente della Commissione Ue

Redazione

La Lega potrebbe sostenere Von der Leyen presidente della Commissione Ue

Il ministro per gli Affari europei Lorenzo Fontana ha detto che il Carroccio potrebbe sostenere la ministra tedesca. Poi ha ribadito che bisogna cancellare le sanzioni alla Russia.

11 Luglio 2019 16.07
Like me!

Alla fine dove rischiano di mancare i voti socialisti e liberali, a sostenere la candidata alla presidenza della Commissione Ue, Ursula Von der Leyen, potrebbero arrivare quelli dei conservatori e pure dei sovranisti euroscettici a partire da quelli della Lega. «Non escludo che la Lega voti a favore» di Ursula Von der Leyen alla presidenza della Commissione Ue, ha detto il neo ministro per gli Affari Ue Lorenzo Fontana, a margine del Consiglio dei ministri. «Penso e spero già dalla prossima settimana di poter essere a Strasburgo per una sessione importante. Vediamo se sarà stata votata o meno la candidata presidente. Mi felicito perché ha avuto parole importanti sulla riforma di Dublino: che ci sia un’apertura è molto interessante. Poi si valuteranno le votazioni di martedì».

LEGGI ANCHE: Chi rema contro a una nomina europea per Giorgetti

«NON ABBIAMO BISOGNO DI CORDONE SANITARIO»

«Da parte mia massima collaborazione», ha detto Fontana durante la conferenza di Palazzo Chigi dopo il consiglio dei ministri, «penso che di lavoro ce ne sarà davvero tanto da fare e mi sembra importante che in Ue capiscano che non abbiamo bisogno di un cordone sanitario, siamo un Paese importante e un governo importante. Abbiamo delle prerogative che sono state fatte valere meno dai governi precedenti. Noi vogliamo dialogare per cambiare in meglio l’Ue».

«SUPERARE LE SANZIONI ALLA RUSSIA»

«La Russia è un grande partner e le sanzioni ci hanno creato dei problemi. Se riuscissimo a fare un lavoro di riavvicinamento tra Usa e Russia, che è quello a cui lavoriamo, sarebbe importante», ha detto ancora Fontana. «Superare le sanzioni vorrebbe dire una spinta al commercio e anche superare quanto successo in Ucraina. Sarebbe un tentativo di riappacificare e collaborare con la Russia come dovrebbe essere per l’Europa. Perché comunque la Russia ne ha sempre fatto parte», ha aggiunto.

CONTE: «DA FONTANA MI ASPETTO UN IMPULSO RINNOVATO»

Con il passaggio del ministro Lorenzo Fontana dalla Famiglia e disabilità agli Affari europei, ha aggiunto Giuseppe Conte, «la squadra si rinforza perché le deleghe erano rientrate a me dopo che il ministro Savona era stato designato alla presidenza della Consob. Ma la delega agli Affari europei è una delega corposa e mi aspetto dal ministro Fontana un sostegno forte del governo ed un rinnovato impulso: abbiamo delle sfide europee molto importanti che ci attendono» anche perché «siamo all’avvio di una nuova legislatura. Quindi sicuramente posso dire che anche con questo trasferimento la compagine governativa si rafforzerà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *