Lukaku: «Su di me dette tante cazzate, se dicessi com’è andata restereste scioccati»

Redazione
11/10/2023

L'attaccante della Roma, dal ritiro del Belgio, è tornato su quanto è successo la scorsa estate, con le trattative fallite per il suo passaggio prima all'Inter e poi alla Juventus: «Parlerò a tempo debito, aspetterò il momento giusto».

Lukaku: «Su di me dette tante cazzate, se dicessi com’è andata restereste scioccati»

Romelu Lukaku è tornato a parlare dell’estate che l’ha visto protagonista di un lungo intreccio di mercato, culminato con il suo arrivo alla Roma. L’attaccante sta vivendo un momento positivo, con 5 gol in 6 gare in giallorosso. Ora, dal ritiro del Belgio, ha deciso di lanciare un messaggio preciso: «Parlerò a tempo debito, aspetterò il momento giusto». Le parole del centravanti hanno incuriosito i fan. Il gigante belga ha aggiunto: «Se dicessi davvero come è andata l’estate scorsa, tutti rimarrebbero scioccati. Sono state scritte tante cazzate sul mio conto».

LEGGI ANCHEL’alta infedeltà di Lukaku simbolo del mutamento economico del calcio

Lukaku «Su di me dette tante cazzate, se dicessi com'è andata restereste scioccati»
Lukaku in conferenza stampa (Getty Images).

Lukaku: «Ho pensato di poter esplodere»

Il riferimento di Lukaku è alla vicenda che ha visto protagonista lui, il Chelsea, l’Inter, la Juventus e la Roma. Il belga ha concluso la stagione con i nerazzurri, in prestito dal club londinese, e sembrava chiuso l’accordo per il trasferimento a titolo definitivo a Milano. Poi la notizia del presunto sì alla formazione bianconera. La trattativa è sfumata e soltanto ad agosto Lukaku è riuscito a trovare una nuova destinazione, la Roma di Josè Mourinho, con cui è subito nato l’amore. Ora le parole dell’attaccante: «Sapete che non mi piace girare intorno a un argomento. Ci sono stati momenti in cui ho pensato davvero di poter esplodere, cinque anni fa probabilmente lo avrei fatto. Ora mi sono concentrato su quello che so fare meglio: giocare a calcio».

Lukaku «Su di me dette tante cazzate, se dicessi com'è andata restereste scioccati»
Lukaku esulta con i compagni di squadra dopo un gol (Getty Images).

L’attaccante: «Sono come LeBron James»

«Sono come LeBron James, gioca da tanti anni e ha dovuto sopportare molte cose», ha proseguito Romelu Lukaku. «Ma ogni estate lavora duro e smentisce tutti. Rispondo anch’io in campo. Sono state dette tante cose su di me, ma sono concentrato sulla Roma e sul Belgio. Ho lavorato duro tutta l’estate, come vedete sono in buona forma e voglio continuare così. Anche lo staff tecnico della Roma è rimasto colpito dal mio stato di forma al mio arrivo. È il campo che parla». E commentando il trasferimento nella Capitale, ha voluto ringraziare il connazionale Radja Nainggolan: «Alla Roma mi sono trovato subito bene fin dalla trattativa e devo ringraziare anche Radja per il contatto con la società. Mi ha informato sulla squadra e sui tifosi».