Lo scontro Salvini-M5s riparte dalla polemica su migranti e Difesa

Il leader della Lega accusa la ministra Trenta di aver ammorbidito le regole sull'immigrazione. Ma secondo il Movimento era stato il Viminale a chiedere di non incrementare Mare Sicuro.

21 Agosto 2019 18.07
Like me!

Open Arms non è più a Lampedusa, partita all’alba per Porto Empedocle dove rimarrà sotto sequestro per qualche giorno come disposto dalla Procura di Agrigento, ma le polemiche non si placano. Anzi. Tra Viminale e Difesa parte un duro botta e risposta sul nuovo piano di pattugliamento entrato in vigore ieri, considerato troppo morbido dal Ministero dell’Interno, mentre il governo spagnolo valuta eventuali sanzioni nei confronti dell’organizzazione non governativa, che non avrebbe l’autorizzazione a compiere missioni Sar. Salvini accusa la Trenta di avere «indebolito la lotta all’immigrazione clandestina», che diventa un fenomeno non più da «contrastare» ma da «contenere», modificando «unilateralmente i compiti» di chi pattuglia in mare.

«Sono le prime prove tecniche di inciucio Pd-5Stelle sulla pelle degli italiani?», si chiede Salvini. Il nuovo piano operativo, sottolinea il Viminale, «depotenzia pesantemente alcune forme di collaborazione tra gli assetti militari e gli apparati dello Stato, in primis l’Interno, finalizzate al contrasto e alla repressione dei trafficanti».

Salvini oggi dice che è stata modificata l'operazione Mare Sicuro e che questa sarebbe l'ennesima prova di chissà quale…

Posted by MoVimento 5 Stelle on Wednesday, August 21, 2019

Parole pesanti alle quali replica direttamente via XX settembre, prima con lo Stato Maggiore della Difesa – che ha rassicurato su compiti e struttura dell’operazione Mare Sicuro, che «non cambiano» – e poi con la stessa Trenta che ha definito «inqualificabile il tentativo di screditare non solo me ma l’intera Difesa» da parte del vicepremier. «Ho rispedito sempre ogni attacco al mittente e lo faccio oggi con ancor più convinzione», la replica stizzita della Trenta che invita Salvini a «rispettare il ruolo delle istituzioni e a non appropriarsene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 1

  1. Stanno per cessare tutti gli ostacoli allo sbarco dei migranti in Italia:
    a breve avremo una coalizione di compagni al governo.
    Primi provvedimenti URGENTI:
    – abolire le leggi anti-immigrazione clandestina;
    – alzare la quota giornaliera dai miseri 21 a 50 euro;
    – convenzionare tutti gli hotel italiani alla degna accoglienza dei migranti;
    – prevedere un vitalizio a migrante di almeno 1800 euro mensili;
    – assegnare ad ogni migrante una casa popolare senza obbligo di canone.
    – abolire qualunque rimpatrio :e’ una deportazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *