Insulti razzisti a Maignan, aperto un procedimento penale nei confronti del primo responsabile individuato

Redazione
23/01/2024

L’Udinese, che ha già bandito a vita il tifoso dallo stadio, dovrà disputare una partita a porte chiuse. Indagini ancora in corso per accertare i fatti e individuare eventuali altre persone coinvolte.

Insulti razzisti a Maignan, aperto un procedimento penale nei confronti del primo responsabile individuato

La Procura di Udine ha aperto un procedimento penale a carico del tifoso individuato e denunciato per il reato di incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi (604 bis), dopo la partita Udinese-Milan, nel corso della quale il portiere rossonero Mike Maignan è stato oggetto di insulti razzisti. Lo ha reso noto il procuratore Massimo Lia, precisando di aver ricevuto una prima informativa sulla vicenda. Intanto stanno proseguendo le indagini per verificare nel dettaglio la dinamica di quanto accaduto, se ci sono altre persone responsabili e il ruolo avuto dalla persona denunciata.

Insulti razzisti a Maignan durante Udinese-Mialn, aperto un procedimento penale nei confronti del primo responsabile individuato.
Mike Maignan (Getty Images).

LEGGI ANCHE: Cori razzisti contro Maignan, Piantedosi: «La sanzione sportiva non basta, non risolve il problema»

L’Udinese, che ha bandito a vita il tifoso dallo stadio, dovrà disputare la prossima gara in casa a porte chiuse

«In ordine alle manifestazioni di discriminazione razziale che hanno interessato in più occasioni, durante la gara, il calciatore Mike Maignan, e che hanno portato all’effettuazione di due annunci con altoparlante, nonché a una prima interruzione del gioco per circa un minuto, di poi a una sospensione della gara per circa cinque minuti», l’Udinese dovrà giocare una partita di campionato a porte chiuse. Questa la sentenza del giudice sportivo della Serie A. La gara da disputare a porte chiuse è quella con il Monza di sabato 3 febbraio alle 15. L’Udinese non ha commentato la sentenza. Ma il club, convinto di aver adottato tutte le misure necessarie per dare un segnale forte, avendo escluso a vita dal Bluenergy Stadium l’autore delle espressioni razziste, si riserva la possibilità di presentare ricorso, scrive l’Ansa.