Migranti, scoppia la lite tra Macron e Di Maio

21 Giugno 2018 18.01
Like me!

Emmanuel Macron torna a difendersi dalle accuse di inazione sull'accoglienza dei migranti e tuona contro la «lebbra» populista in Europa. «Li vedete crescere come una lebbra, un po' ovunque in Europa, in Paesi in cui credevamo fosse impossibile vederli riapparire. I nostri amici vicini dicono le cose peggiori e noi ci abituiamo! Fanno le peggiori provocazioni e nessuno si scandalizza di questo», ha dichiarato chiudendo il suo intervento a Quimper. Il riferimento – scrive LeFigaro.fr – sarebbe al rifiuto dell'Italia di aprire i porti alle ong.

«LA LEBBRA È L'IPOCRISIA». Le parole che ha pronunciato Macron «sono offensive e fuori luogo. La vera lebbra è l'ipocrisia è di chi respinge gli immigrati a Ventimiglia e vuole farci la morale sul diritto sacrosanto di chiedere un'equa ripartizione dei migranti. La solidarietà o è europea o non è», ha risposto il vice premier Luigi Di Maio su Twitter, anticipando l'alleato Matteo Salvini e prendendone gli stessi toni aggressivi.

«Macron ha detto che chi non accoglie è un populista lebbroso. Un signore, eh, caviale, champagne e signorilità. Ma io lezioni da un Paese che ha l'esercito alla frontiera italiana non ne prendo. Se la Francia si prende dieci barconi dalla Libia, ne riparliamo», ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini in un comizio a Viterbo. «Mi spiace solo che la Francia ai Mondiali stia battendo il Perù», ha aggiunto.

LE PEN: «MACRON VUOL FARCI LITIGARE CON IL MONDO INTERO». «Mi chiedo come il presidente della Repubblica francese possa trattare i governi di nazioni europee come la 'lebbra'?! Stati Uniti, Russia, Gran Bretagna, Italia, gruppo di Visegrad…Vuole farci litigare con il mondo intero», ha scritto in un tweet la leader del Rassemblement National (ex Front National), Marine Le Pen.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *