Maltempo, allerta rossa in Veneto

Redazione
04/11/2023

Arancione in Lombardia, Emilia-Romagna e Liguria. Gialla in Toscana, che è in ginocchio: piogge mai così forti da almeno mezzo secolo, 9 mila famiglie senza luce, diversi Comuni senza acqua corrente.

Maltempo, allerta rossa in Veneto

Il maltempo non accenna a dar tregua all’Italia. L’allerta rossa riguarda sabato 4 novembre parte del Veneto, mentre sarà arancione su gran parte della regione e in Lombardia, su settori di Liguria e Emilia-Romagna. Allerta gialla invece su zone della Toscana, flagellata tra il 2 e il 3 novembre da forti piogge e da conseguenti inondazioni che hanno fatto sette vittime.

«Durante la notte si è continuato a lavorare laddove possibile e già da stamattina operative le task force arrivate dalle altre regioni. Permangono alcuni casi di allagamento e problemi che rendono impossibile l’accesso agli impianti. Ad ora sono 9 mila le utenze disalimentate», scrive su X Eugenio Giani, governatore della Regione Toscana. L’area più flagellata quella al confine fra le province di Prato e Pistoia, dove si è avuto il maggior numero delle sette vittime qui registrate (quattro fra Prato, Montale e Montemurlo) e dove ancora si conta un disperso. Gravi danni ai settori della vivaistica nel pistoiese e quello dei tessuti nel pratese. A Quarrata, nel Pistoiese, i vigili del fuoco hanno messo in salvo un neonato con la sua famiglia. Dopo l’alluvione che ha colpito la Toscana, circa 200 persone sono state costrette a lasciare le proprie case. Il capo del Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio è in Toscana per fare un sopralluogo nelle zone colpite dall’alluvione provocato dalla forte ondata di maltempo e fare il punto con Giani.

Maltempo, allerta rossa in Veneto. Arancione in Lombardia, Emilia-Romagna e Liguria. Gialla in Toscana, che è in ginocchio.
Neonato tratto in salvo in Toscana.

LEGGI ANCHE: Maltempo, chi è il vigile del fuoco disperso nel Bellunese

La nuova perturbazione del fine settimana interesserà tutto il Centronord, mentre il meridione ne sarà meno coinvolto. Queste le previsioni di Valerio Capecchi, meteorologo del Consorzio Lamma-Cnr di Regione Toscana e Consiglio Nazionale delle Ricerche. Al momento il centro di Ciaran è posizionato tra le isole britanniche e la penisola scandinava, e si sta spostando sempre più ad est. Da lunedì 6 novembre la tempesta Ciaran si andrà esaurendo, ma resterà un flusso mite e umido da sud che potrebbe portare altre piogge, sia pure meno intense.

LEGGI ANCHE: Maltempo, a Cupello il vento porta via l’orologio della chiesa madre