Maltempo a Livorno, tromba d’aria e nubifragio: alberi caduti e auto danneggiate

Redazione
19/10/2023

Un forte temporale ha colpito il capoluogo toscano tra le 4 e le 7 del mattino di giovedì 19 ottobre. Forti disagi anche sulle strade e sulla ferrovia, con la stazione che è stata completamente allagata. Chiusi parchi e scuole.

Maltempo a Livorno, tromba d’aria e nubifragio: alberi caduti e auto danneggiate

Una nuova ondata di maltempo sta interessando il Centro Italia. A farne le spese, tra le altre, è stata la città di Livorno, interessata da forti precipitazioni e persino da una tromba d’aria che ha causato ingenti danni.

Nubifragio a Livorno: alberi caduti e auto danneggiate per una tromba d’aria

Tutto è accaduto tra le 4 e le 7 del mattino di giovedì 19 ottobre. La perturbazione ha portato con sé fortissime raffiche di vento, pioggia e relativi allagamenti in diverse aree del capoluogo, colpito al contempo da una tromba d’aria nella zona Sud che ha provocato la caduta di diversi alberi e ha danneggiato molte auto e scooter parcheggiati all’esterno. Importanti disagi anche alla circolazione dei treni: la stazione è stata allagata ed è stato possibile utilizzare un solo binario, con conseguenti rallentamenti dei convogli (si parla di ritardi fino a 60 minuti per i treni regionali e Intercity). Problemi anche al traffico: le autorità hanno dovuto creare una deviazione da via Firenze per chi proviene da Nord verso via pian di Rota, essendo bloccate sia via Firenze sia via Provinciale Pisana.

https://www.facebook.com/lucasalvetti.li/posts/pfbid02ZrC21StJgsnHuNRpqxnF9DT4cLscdYvuxHJUYzs4UNuPQpwKKTBZNZttv48SiQ55l

Fino a 90 millimetri di pioggia in tre ore

Stando ai dati forniti dagli esperti, per i forti temporali che hanno interessato le province di Pisa e Livorno si sarebbero accumulati fino a 80-90 millimetri di pioggia in tre ore. Il sindaco livornese Luca Salvetti, alla luce della situazione critica di diverse strade e strutture locali, ha rilasciato un comunicato specificando: «Per tutta la notte, vista l’allerta meteo arancione, la Protezione civile ha tenuto sotto controllo tutti i rii e torrenti che non hanno creato allarme particolare. Assolutamente opportuna è stata la decisione di chiudere parchi e scuole per la giornata di giovedì 19 ottobre».