A Bologna finti manifesti elettorali di Salvini e Di Maio

A Bologna finti manifesti elettorali di Salvini e Di Maio

Negli spazi dedicati alle Europee spuntano gli slogan: «Terroni votatemi», «Più armi nelle scuole» e «Onesti quando ci pare». 

21 Maggio 2019 11.32

Like me!

Bologna martedì il 21 maggio si è svegliata con finti manifesti di Matteo Salvini e Luigi Di Maio affissi negli spazi dedicati alla campagna elettorale per le Europee del 26 maggio prossimo. Sui poster compaiono slogan come «Terroni votatemi», «Più armi nelle scuole», «Basta donne che votano» sotto il primo piano del leader leghista in posa da Zio Sam, con il dito indice puntato e «Onesti quando ci pare» sotto quello del capo politico del Movimento cinque stelle. In calce la firma/hashtag #castigat. Del caso, a quanto si apprende, si sta occupando la Digos.

IL SIGNIFICATO DI #CASTIGAT

Bologna Today ha avanzato l'ipotesi che il castigat potrebbe stare per «castigat ridendo mores». La frase, attribuita al latinista francese Jean de Santeul, indica la capacità della satira di denunciare e mettere alla berlina i vizi e i difetti umani evidenziandone il lato grottesco. Forse l'intenzione del misterioso autore dei finti manifesti elettorali era proprio questa.

LEGGI ANCHE: Proteste a Bologna contro il comizio di Forza Nuova

QUEI MURALES CHE METTONO LA POLITICA AL MURO

Quello di Bologna non è che l'ultimo "sfottò" artistico nei confronti della politica.

Salvini, Di Maio ma anche il premier Giuseppe Conte, la sindaca di Roma Virginia Raggi, la leader dei Fratelli d'Italia Giorgia Meloni (oltre al Pd rappresentato su una lapide a significarne la morte politica) sono stati oggetto di vere e proprie opere d'arte apparse sui muri della Capitale e di Milano per essere prontamente rimosse. Tra gli autori TvBoy e Sirante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *