Manuel Follis lascia La Stampa dopo sei mesi e passa alla Fondazione Crt

Redazione
19/01/2024

Il giornalista economico, ex Milano Finanza e Affaritaliani.it, approda alla comunicazione dell'ente torinese presieduto da Fabrizio Palenzona. Dopo una carriera nell'editoria, il salto della barricata nel mondo degli uffici stampa.

Manuel Follis lascia La Stampa dopo sei mesi e passa alla Fondazione Crt

Porte girevoli nel mondo della comunicazione. Con la solita porosità tra editoria e grandi uffici stampa. Manuel Follis, 48enne giornalista economico tra i più bravi e appena approdato a La Stampa, saluta il quotidiano torinese dopo soli sei mesi per passare alla comunicazione della Fondazione Crt (Cassa di risparmio di Torino) presieduta da Fabrizio Palenzona e terza fondazione di origine bancaria italiana per entità del patrimonio. Lo fa in un momento delicato, visto che siamo alla vigilia del rinnovo della presidenza dell’Acri, l’associazione delle fondazioni bancarie, poltrona su cui Palenzona non disdegnerebbe sedersi.

Si è occupato di telecomunicazione, infrastrutture e trasporti, real estate

Professionista dal 2004, Follis si è occupato soprattutto di telecomunicazione, infrastrutture e trasporti, real estate, oltre alle dinamiche legate agli enti locali, con focus particolare su Milano. Grande appassionato di basket, specialmente della realtà dei college americani, ha mosso qualche passo pure nel mondo del giornalismo legato al food & wine.

Manuel Follis lascia La Stampa dopo sei mesi e passa alla Fondazione Crt
Manuel Follis.

Oltre a La Stampa, dove era arrivato nell’agosto del 2023, ha lavorato per 15 anni a Milano Finanza e sette anni ad Affaritaliani.it, dove è stato anche caporedattore. Ora il salto della barricata e l’approdo nel mondo degli uffici stampa.