Marchionne non prende il bonus

23 Febbraio 2011 17.40
Like me!

Obiettivi di redditività mancati, stock option perse. La clausola firmata nel 2006, prima dell’avvio della crisi globale, costa a Sergio Marchionne la possibilità di acquistare 3,75 milioni di azioni Fiat a 6,583 euro. Il mancato ottenimento evita complicati calcoli di congruenza, dato che la clausola era precedente allo scorporo di Fiat Industrial dalla parte automobilistica, operazione costata un bel po’ di valore alle azioni Fiat tra il 31 dicembre e il 3 di gennaio. Avesse potuto, comunque, esercitare l’opzione (rivendendo subito dopo i titoli al prezzo odierno di mercato), l’amministratore delegato del Lingotto avrebbe portato a casa poco più di 400mila euro.
BONUS ASSICURATO PER IL 2011. Nel negare le stock option per il periodo 2008-2010, il consiglio di amministrazione Fiat ha, invece, blindato quelle per l’anno in corso: 1,125 milioni di titoli tra Fiat e Fiat Industrial spetteranno comunque al manager, a prescindere dai risultati, purché a fine esercizio sia ancora in carica. Un premio deciso come riconoscimento per le operazioni straordinarie compiute nello scorso anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *