Maria Elena Boschi replica agli insulti dei follower di Salvini

La deputata dem attaccata pesantemente dai sostenitori del leader della Lega. Lei non ci sta e contrattacca. «Il ministro usa sempre lo stesso schema d'odio sui social».

20 Luglio 2019 16.28
Like me!

Se Maria Elena Boschi attacca, Matteo Salvini risponde. Lo fa sui social, come sempre, scatenando i suoi follower. Che se la prendono contro la detrattrice del capitano. Insulti, riferimenti sessisti e sessuali sono le armi in mano ai seguaci del ministro dell’Interno.

“Con noi, l’Italia cresceva, c’erano più diritti e meno odio: noi abbiamo portato risultati, non rubli”. L’ha detto…

Publiée par Matteo Salvini sur Vendredi 19 juillet 2019

La dem a sua volta non pare intimorita. Anzi, rilancia contro il leader della Lega. «Gli insulti di Salvini. Stesso schema di odio social sdoganato ai tempi delle banche. Mi spiace il silenzio di tanti e di tante. Ma non mollo, non taccio. Per me fare opposizione significa non avere paura di Salvini e di quelli come lui», si è sfogata sui social network.

IL CASUS BELLI TRA MARIA ELENA BOSCHI E SALVINI

Tutto era nato quando Salvini aveva pubblicato sul proprio profilo social la prima pagina di Libero. Il giornale guidato da Vittorio Feltri e Pietro Senaldi titolava, con una foto a tutta pagina di Maria Elena Boschi, Parola d’ordine: sfiduciare Salvini. Il ministro dell’Interno aveva commentato con un beffardo «ma questi hanno ancora il coraggio di parlare?».

Si, caro Salvini, ho ancora il coraggio di parlare. Con noi l’Italia cresceva, c’erano più diritti e meno odio: noi…

Publiée par Maria Elena Boschi sur Vendredi 19 juillet 2019

Un commento che non è passato inosservato alla dem che ha rilanciato. «Caro Salvini, ho ancora il coraggio di parlare. Con noi l’Italia cresceva, c’erano più diritti e meno odio: noi abbiamo portato risultati, non rubli. Soprattutto ho ancora la LIBERTÀ di parlare: come ministro dell’Interno viene pagato per garantirmela, non per attaccarmi. Bacioni».

IL PD COMPATTO DIFENDE BOSCHI

A sostegno di Maria Elena Boschi sono intervenuti nelle ore successive diversi esponenti del Partito democratico. In primis il segretario dei dem Nicola Zingaretti. «Da diversi giorni si sta muovendo una galassia di profili social, tutti dell’orbita di Salvini, che passano il proprio tempo ad agitare la gogna contro esponenti del Pd», ha esordito. «Oggi è il turno di Maria Elena Boschi, cui va la solidarietà del partito. Al ministro dell’Interno Salvini, sotto il cui dicastero opera la polizia postale, chiediamo di vigilare e reprimere questo genere di offese e insulti a partire dai suoi profili gestiti da dipendenti della sua segreteria al Viminale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *