Mariotti contro Bonomi: fa causa a Confindustria e si affida a Pietro Ichino

Giovanna Predoni
10/11/2023

L'ex direttrice generale, sostituita con Langella dopo essersi messa di traverso al licenziamento con buonuscita della capa della Comunicazione Magistroni, ha scelto l'avvocato giuslavorista ed ex parlamentare di Pci e Pd per farsi tutelare. Un'altra grana interna per il presidente del sindacato degli imprenditori.

Mariotti contro Bonomi: fa causa a Confindustria e si affida a Pietro Ichino

Com’era prevedibile, è finita a carte bollate. E con un nome di prestigio coinvolto. C’è un nuovo capitolo nella vicenda di Francesca Mariotti, ormai ex direttrice generale di Confindustria che si era messa di traverso sul licenziamento con buonuscita della capa della Comunicazione Alessia Magistroni. Proprio questo ostruzionismo aveva provocato un virulento scontro col presidente del sindacato degli imprenditori, Carlo Bonomi, che infatti l’ha prontamente sostituita con Raffaele Langella, ex ambasciatore italiano a Singapore. Mariotti nel frattempo è stata messa «a disposizione» dal capo del personale. Ma ha subito risposto con la sua contromossa. E cioè intentare una causa a Confindustria, affidandosi nientemeno che a Pietro Ichino, uno degli avvocati giuslavoristi più di grido del panorama legale, nonché ex deputato indipendente eletto nel Partito comunista italiano dal 1979 al 1983 e, più di recente, senatore del Partito democratico dal 2008 al 2013. Ora avrà il compito di tutelare Mariotti. Un’altra grana interna per Bonomi nel tratto finale del suo mandato da presidente.

Mariotti contro Bonomi: fa causa a Confindustria e si affida a Pietro Ichino
Carlo Bonomi e Francesca Mariotti (Imagoeconomica).