Rimini, marito e moglie trovati morti in casa: ipotesi omicidio-suicidio

Alberto Muraro
20/06/2023

A trovare i corpi senza vita dell'uomo e della donna è stato il figlio 16enne, aiutato dai vicini.

Rimini, marito e moglie trovati morti in casa: ipotesi omicidio-suicidio

Nella giornata di ieri, lunedì 19 giugno, le autorità locali di Rimini ha trovato un uomo e una donna privi di vita all’interno della loro abitazione, situata al numero civico 74 di via Gambalunga. La coppia era sposata da tempo: al momento della morte il marito aveva 50 anni mentre la moglie, di origine moldava, era di due anni più giovane del compagno.

Coppia trovata morta in casa a Rimini: spunta l’ipotesi omicidio-suicidio

Gli inquirenti sono tuttora al lavoro per cercare di capire cosa possa essere accaduto ai due, ma dalle prime informazioni trapelate pare che si stia facendo sempre più insistente la voce secondo cui si sarebbe trattato di un caso di omicidio-suicidio.

A lanciare l’allarme è stato il figlio della coppia, di soli 16 anni, che era rimasto lontano da casa per qualche giorno per passare un po’ di tempo insieme alla fidanzata. Quando è tornato il giovane ha trovato sbarrata la porta di casa e si è affidato ai vicini. Dopo essere riusciti a forzare l’entrata dell’abitazione, al terzo piano di una palazzina, il ragazzo e i vicini hanno fatto la terribile scoperta: i due corpi delle vittime giacevano ormai privi di vita nella loro camera da letto, in mezzo ad un lago di sangue. Accanto ai corpi c’era l’arma utilizzata per il delitto, una pistola. Le forze dell’ordine mantengono ancora il massimo riserbo sulle indagini, ma si pensa che uno dei due coniugi abbia sparato all’altro prima di togliersi la vita.

Indagini in corso

Immediato l’intervento dei soccorsi del 118, che non hanno però potuto fare altro che confermare il decesso di marito e moglie.  Sul posto sono anche arrivati in breve tempo le volanti della polizia e gli agenti della polizia scientifica, oltre alle pattuglie dei carabinieri. In base alle prime ricostruzioni sembra che il delitto sia avvenuto circa tre giorni fa, con un’arma che il 50enne possedeva con un regolare permesso per uso sportivo.