Marta Fascina assente anche al congresso provinciale di Forza Italia a Monza

Redazione
28/01/2024

La deputata aveva già disertato la festa per i 30 anni del partito tenutasi venerdì 26 gennaio all'Eur. Alcune voci parlano di problemi di salute. E anche in Parlamento continua a latitare.

Marta Fascina assente anche al congresso provinciale di Forza Italia a Monza

Marta Fascina non parteciperà al congresso provinciale di Forza Italia in programma a Monza, nella Brianza del Cavaliere, domenica 28 gennaio 2024. Lo ha confermato all’Ansa il deputato azzurro Fabrizio Sala, coordinatore provinciale di FI per 12 anni, senza tuttavia specificare i motivi dell’assenza. La deputata aveva disertato anche la festa per il trentennale del partito tenutasi due giorni prima nel salone delle Fontane all’Eur.

Non ha fatto pervenire nemmeno un messaggio

Continua dunque la lontananza di Fascina dalle kermesse politiche dopo la scomparsa di Silvio Berlusconi. A settembre 2023, in occasione della riunione dei giovani azzurri a Gaeta, aveva fatto pervenire questo messaggio: «Avrei voluto essere lì con voi, ma in me è ancora troppo forte il dolore per la tragica scomparsa dell’uomo che ho amato, che amo e che amerò per l’eternità, per poter partecipare con gioia e spensieratezza a un evento politico». Alla festa dell’Eur invece nulla, solo una fugace citazione di Gianni Letta che l’ha nominata quando ha ricordato la premura che i figli di Berlusconi hanno avuto nei suoi confronti. Alcuni hanno riferito che la sua assenza fosse dovuta a problemi di salute, che però nessuno ha confermato.

Il ritorno in Parlamento a novembre

Il 7 novembre 2023 era tornata in Parlamento dopo nove mesi di latitanza, con decine di fotografi e cronisti che avevano cercato, senza riuscirci, di avvicinarla e farle qualche domanda. Consapevoli che l’avrebbero rivista poche altre volte, come effettivamente sta accadendo. Una fonte riportata dal Corriere della Sera ha infatti spiegato: «In commissione Difesa, dove ricopre pure il ruolo di segretaria, da quel giorno sarà venuta, forse, una volta».