McLaren X-1 a Pebble Beach

Redazione
21/08/2012

Di Alex D’Agosta Visto che l’acquirente non era inglese, al che sarebbe stato meglio esibirlo a Goodwood, il momento migliore...

McLaren X-1 a Pebble Beach

Di Alex D’Agosta

Visto che l’acquirente non era inglese, al che sarebbe stato meglio esibirlo a Goodwood, il momento migliore per presentare l’opera unica della McLaren X-1 non poteva essere che il grande Concorso d’Eleganza di Pebble Beach 2012.
TRA PASSATO E FUTURO. L’auto è davvero notevole ed è difficile ricordare altre supercar cui ancora oggi si possa dire che vengano dal futuro e contemporaneamente dal passato. Ma questa è davvero unica: proviene dal reparto McLaren Special Operations della casa automobilistica e non andava a cercare uno stile per un nuovo modello di serie, ma voleva lasciare l’impronta nella storia con qualcosa di diverso.
Il cliente, che vuole rimanere riservato, è già uno dei quei pochissimi fortunati che possiedono un vecchio esemplare di McLaren F1, e possiede inoltre una McLaren MP4-12C e una Mercedes McLaren SLR.
REALIZZATA IN 18 MESI. Quest’auto, per sua richiesta specifica, doveva quindi essere del tutto particolare, e lo è: sono stati ben 18 i mesi spesi per la sua realizzazione, ma il risultato lo ha meritato. La supercar inglese, infatti, si ispira, nello stesso tempo, alla Facel Vega del 1961, alla Chrysler Ghia del 1953, alla Buick Electra del 1959, alla Mercedes-Benz 540 K del 1939 e alla Citroen SM del 1971.
Al di fuori dell’automobile, poi, i progettisti hanno perfino dichiarato di essersi ispirati a oggetti dei musei Guggenheim di New York e Bilbao, a un orologio Jaeger LeCoultre, a una roulotte Airstream, alla penna Montblanc Thomas Mann, a un pianoforte a coda, a una melanzana  e a una fotografia in bianco e nero di Audrey Hepburn.
PESA 1.400 KG. La nuova McLaren X-1, che non guiderà quasi nessuno al mondo, è lunga 4,65 metri, larga 2,09 metri, alta 1,19 metri e pesa approssimativamente 1.400 chilogrammi. Sotto il cofano batte la stessa meccanica di McLaren MP4-12C, cioè un motore 3,8 litri V8 benzina bi-turbo da 625 cavalli, abbinato alla trazione posteriore e ad un cambio robotizzato doppia frizione a sette marce. Ignoto naturalmente il prezzo, ma dovrebbe probabilmente superare con abbondanza il milione di euro.