Medvedev licenzia i capi della polizia

Redazione
26/01/2011

Il presidente russo Dmitri Medvedev ha annunciato nuove misure di controllo entro due settimane e licenziato i vertici a capo...

Medvedev licenzia i capi della polizia

Il presidente russo Dmitri Medvedev ha annunciato nuove misure di controllo entro due settimane e licenziato i vertici a capo del dipartimento per la sicurezza dell’aeroporto Domodedovo di Mosca, teatro della strage del 24 gennaio, nella quale hanno perso la vita 35 persone.
Con la riforma del governo, i dirigenti degli scali condivideranno la responsabilità per la sicurezza negli scali e i sistemi di allarme di aeroporti, metropolitana e stazioni ferroviare saranno più sofisticati, sullo stile di quelli israeliani e americani.
I funzionari del ministero dell’Interno silurati dal capo del Cremlino sono il capo e i due vice del posto di polizia presso l’aeroporto Domodedovo di Mosca.
Il 26 gennaio le autorità hanno anche comunicato che, tra le otto vittime straniere dell’attentato, due sono di nazionalità austriaca, mentre l’Interpol russa ha annunciato una minaccia terroristica molto più elevata in Russia che in Israele. Nel 2010, soltanto nel Caucaso del Nord, sono stati commessi 900 attentati, 18 dei quali da kamikaze.