Le accuse di Meloni a Conte sul Mes e quella data che la smentisce

Ginevra Abeti
14/12/2023

La premier ha incolpato il leader del M5s di aver ratificato il trattato dopo le dimissioni del governo nel 2021. Ma il fax che ha agitato al Senato dimostra il contrario: l'allora ministro Di Maio ha mandato il messaggio sei giorni prima.

Le accuse di Meloni a Conte sul Mes e quella data che la smentisce

La premier Giorgia Meloni, prima alla Camera e poi al Senato, ha accusato il leader del M5s Giuseppe Conte di aver firmato il nuovo trattato del Mes «con il favore delle tenebre», ovvero presumibilmente nascondendolo al parlamento e agli italiani. Durante le comunicazioni al Senato di mercoledì 13 dicembre, la premier ha incolpato Conte di aver ratificato il Mes «dopo essersi dimesso», sventolando un fax che però la smentisce: sul foglio si distingue la data del 20 gennaio 2021, sei giorni prima delle dimissioni del governo Conte II.

Fu il parlamento a delegare il governo Conte II a finalizzare il Mes

Secondo Meloni, quindi, il governo di Giuseppe Conte avrebbe ratificato il trattato europeo «senza mandato parlamentare, senza che ne avesse il potere, senza dirlo agli italiani». Ma è così? Come ricorda il responsabile Economia del Pd Antonio Misiani, riportato da la Repubblica, il 9 dicembre 2020 fu il parlamento a delegare il governo ad andare avanti sul Meccanismo europeo di stabilità con una risoluzione che impegnava l’esecutivo «a finalizzare l’accordo politico raggiunto all’Eurogruppo e all’ordine del giorno dell’Eurosummit sulla riforma del trattato del Mes». È da questo voto che deriva la sottoscrizione via fax dall’allora ministro degli Esteri Luigi Di Maio che la premier ha mostrato al Senato mercoledì sera.

Le accuse di Meloni a Conte su Mes e quella data che la smentisce
Il fax di Luigi Di Maio sventolato dalla premier Meloni per accusare Giuseppe Conte è datato 20 gennaio 2021 (Imagoeconomica).

LEGGI ANCHE: Meloni stia attenta al Mes e alla partita in proprio che gioca Salvini

Conte: «Il Mes portato in Italia dal governo Berlusconi di cui Meloni era ministra»

Con un video sui social pubblicato mercoledì sera Giuseppe Conte ha evidenziato un altro particolare della vicenda. Il leader del M5s si è difeso dall’accusa di Meloni di aver portato l’Italia nel Mes: «Sapete chi ha introdotto il Mes in Italia, chi ha portato l’Italia nel Mes? Il governo di Berlusconi, nell’estate 2011, governo di cui Meloni era ministra della Gioventù insieme a La Russa, Fitto e Calderoli. Io ero avvocato, tu Meloni eri già lì al governo a fare danni nei confronti dell’Italia e ora accusi me di aver apposto una firma? Bugie su bugie».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale)