La polizia uccide un afroamericano: scontri a Memphis

Redazione

La polizia uccide un afroamericano: scontri a Memphis

Il 20enne Brandon Webber colpito mentre cercava di sfuggire all'arresto: guerriglia urbana nella città del Tennessee.

13 Giugno 2019 14.20
Like me!

Notte di tensione e scontri a Memphis. Le manifestazioni per l’uccisione da parte di un agente di polizia di un ragazzo afroamericano sono iniziate pacificamente e poi si sono trasformate in guerriglia urbana: il bilancio degli scontri è di almeno 24 agenti feriti e tre persone arrestate.

Nella nottata sono rimasti feriti anche due giornalisti. Lo afferma il sindaco Jim Strickland, sottolineando che dei 24 agenti feriti sei sono in ospedale.

LEGGI ANCHE: Polizia e afroamericani: 4 statistiche per capire

Secondo le ricostruzioni, il 20enne Brandon Webber – sul quale pesavano diversi mandati di cattura – sarebbe stato ucciso mentre cercava di scappare dalla polizia: contro di lui sarebbero stati sparati 20 colpi di arma da fuoco.

SECONDO LA POLIZIA AVEVA UN FUCILE

Webber è stato descritto come un «sospettato violento» dalla polizia, secondo la quale il ragazzo avrebbe puntato un fucile contro gli agenti. Ricostruzione smentita da alcuni testimoni oculari e sulla quale sono state avviate delle indagini. Il Tennessee Bureau of Investigation ha infatti aperto un’inchiesta sulla morte di Webber.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *