La Camera boccia l’odg di Fratelli d’Italia contro il Mes: votano sì sette M5s

Redazione
24/04/2020

Il governo aveva espresso parere contrario. Al termine del voto da Fdi si sono alzate urla «venduti, venduti».

La Camera boccia l’odg di Fratelli d’Italia contro il Mes: votano sì sette M5s

Con 216 voti contrari e 119 favorevoli la Camera ha bocciato l’ordine del giorno di Fdi che chiedeva di «impegnare il governo a non utilizzare in alcun caso il Mes per far fronte all’insieme delle misure volte a contrastare l’attuale emergenza coronavirus. Il governo aveva espresso parere contrario. Al termine del voto da Fdi si sono alzate urla «venduti, venduti». Il presidente Roberto Fico ha richiamato all’ordine, chiedendo anche che i deputati non mostrassero cartelloni. Sette deputati del M5s hanno votato sì ( Pino Cabras, Antonio Lombardo, Alvise Maniero, Dalila Nesci, Raphael Raduzzi, Andrea Vallascas e Giovanni Vianello) mentre uno si è astenuto (Valentina Corneli).

Subito è arrivato l’attacco ai grillini da parte della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni: «L’odg diceva chiaramente: “L’Italia non acceda in alcun caso al Mes”. L’ordine del giorno è stato respinto, ovviamente con i voti della sinistra, ma anche con quelli del M5S che anche stavolta tradisce ed esegue gli ordini del Pd. Che vergogna». Anche il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida, non ha mancato di criticare i pentastellati: «Alla fine è caduto un altro pezzo della scenografia grillina che si voleva rappresentare come forza trainante di questo governo. Niente da fare: sul Mes ha prevalso la linea del Pd, che ha imposto al M5s il voto contrario all’ordine del giorno a prima firma Giorgia Meloni che avrebbe definitivamente bloccato qualunque ipotesi di attivazione del Fondo salva Stati da parte dell’Italia»

A stretto giro è arrivata la risposta pentastellata dal Blog delle stelle: «Gorgia Meloni e Matteo Salvini continuano a rilanciare falsità e fake news. Un bombardamento disinformativo che, probabilmente, non ha precedenti della storia della Repubblica. Oggi ci concentriamo sulla passionaria finta patriota e traditrice dell’Italia che ha presentato alla Camera un inutile e strumentale ordine del giorno in cui voleva impegnare il governo a non utilizzare il Mes, voluto dal centrodestra quando lei era ministro e votato in Parlamento da alcuni attuali fedelissimi della Meloni».