Gas lacrimogeno in metro a Londra: è caccia a due uomini

Gli autori dell'attacco sono in fuga. Sulle loro tracce la polizia che ha fornito anche un primo identikit. I soggetti sono infatti stati immortalati dalle telecamere di sicurezza della stazione di Oxford Circus.

20 Luglio 2019 17.01
Like me!

Attacco in metro a Londra intorno alle 9 di sabato 20 luglio. In un treno della fermata Oxford Circus sono state lanciate alcune bombolette di gas lacrimogeno. Tempestivo l’intervento delle forze dell’ordine e dei sanitari chiamati a soccorrere alcune persone colpite da forti attacchi di tosse e difficoltà respiratorie. Per la polizia non ci sono comunque preoccupazioni sullo stato di salute dei passeggeri. Attualmente il vagone è in quarantena per questioni di sicurezza.

CACCIA AGLI AUTORI DELL’ATTACCO ALLA METRO DI LONDRA

La British Transport Police si è messa subito sulle tracce dei presunti autori dell’attacco alla metro di Londra. Si tratterebbe di due uomini bianchi di cui uno vestito con un gilet nero e l’altro con una T-shirt bianca. La coppia si è messa in fuga subito dopo aver lanciato le bombolette di gas. Sono comunque stati ripresi dalle telecamere di sicurezza presenti nella stazione di Oxford Circus. L’identikit è subito stato trasmesso dalla British Transport Police a tutte le forze dell’ordine che si sono messi alla caccia dei due uomini.

La polizia ha poi anche diffuso via social un appello alla popolazione. «Li conoscete? Del gas è stato rilasciato questa mattina su un vagone della metropolitana di Oxford Circus. Diverse persone sono state curate sul luogo a causa di tosse, ecc. Non si registrano ulteriori problemi di salute. ulteriore problema di salute. Gli esperti sostengono che il gas utilizzato sia lacrimogeno». A corredo dell’appello anche quattro foto che ritraggono i due uomini. Uno tra i 25 e 30 anni, l’altro più grande intorno ai 40. Il più giovane ha capelli corti e rossicci, il secondo invece ha capelli scuri e leggermente più lunghi e folti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *