Microsoft Copilot, addio riunioni: l’IA prende appunti e scrive email

Redazione
19/10/2023

Il software, basato su ChatGpt, sarà disponibile dall’1 novembre su tutte le app, da Word a Teams. Potrà anche elencare pro e contro dei temi discussi e preparare Powerpoint. Il team degli sviluppatori: «Eliminerà il lavoro faticoso».

Microsoft Copilot, addio riunioni: l’IA prende appunti e scrive email

Un assistente digitale in grado di scrivere email, preparare presentazioni Powerpoint e stilare documenti di ogni genere. Persino di partecipare alle riunioni al posto di un impiegato. Copilot, il nuovo software dotato di intelligenza artificiale di Microsoft, si prepara a rivoluzionare il lavoro di ufficio. In arrivo l’1 novembre su tutti i software del servizio 365, tra cui il pacchetto Office e Teams, sarà l’erede di Cortana, mandato in pensione già nel mese di agosto. «Eliminerà il lavoro faticoso», hanno spiegato gli sviluppatori. «Molti incontri in presenza potranno essere convertiti in webinair». Non mancano però le preoccupazioni per il rispetto della privacy e dell’AI Act che regolamenta l’utilizzo dell’intelligenza artificiale nell’Unione europea.

Basato su ChatGpt, Microsoft Copilot sarà disponibile dall'1 novembre su Windows 11. Così l'intelligenza artificiale entra nell'ufficio.
Il logo di Microsoft, creatrice di Copilot (Getty Images).

LEGGI ANCHE: Chatbot IA, Baidu presenta Ernie 4.0: «Ai livelli di ChatGpt»

Microsoft Copilot, da Teams a Word: cosa può fare l’assistente IA

Disponibile per device che supportano Windows 11, l’ultima versione del sistema operativo di Microsoft, il nuovo assistente digitale Copilot vanta una ricca gamma di opzioni. Per quanto riguarda Teams, infatti, è in grado non soltanto di riassumere il contenuto di una lunga conversazione fra più utenti, ma anche di fornire obiezioni e correzioni se in disaccordo su un tema. Sfruttando l’IA, infatti, può analizzare in pochi secondi i pro e i contro di quanto discusso e presentare il suo punto di vista per migliorare la situazione. Per scelta di Microsoft, non può però valutare le prestazioni dei singoli utenti in una call, per esempio scegliendo chi fra tutti è stato il migliore oratore. «Copilot può far risparmiare ai lavoratori tempo e fatica», ha spiegato alla Bbc Derek Snyder, membro dell’azienda di Redmond.

Le opportunità dell’assistente IA di Microsoft non si fermano però al solo Teams. Sfruttando il sistema alla base di ChatGpt, Copilot può riassumere in pochissimi secondi una lunga serie di email e generare inoltre una risposta adeguata all’argomento. Testato sul potenziale lancio di un prodotto, il software ha redatto un testo pieno di entusiasmo e felicità, esprimendo ammirazione per le idee proposte e per il coinvolgimento nel progetto di distribuzione. Prima di inviare l’email è sempre possibile effettuare modifiche personali per rendere il testo quanto più vicino possibile al proprio stile. Copilot può anche analizzare più documenti su Word e creare una presentazione dettagliata su Powerpoint. Il tutto in meno di un minuto. Per le immagini può utilizzare le foto presenti sul software di scrittura o accedere a un database di libero utilizzo. Microsoft ha anticipato che costerà 30 dollari al mese e necessiterà di accesso a Internet.

Gli sviluppatori: «Copilot rispetta la normativa sull’IA»

Come ha sottolineato la Bbc, tuttavia, i test di Copilot hanno fatto emergere alcuni dubbi sul rispetto delle normative sull’intelligenza artificiale. Non c’è alcun segno distintivo per capire se un testo o un file è stato realizzato dai chatbot oppure da un utente umano. Un elemento che lo pone in netto contrasto con l’AI Act europeo e con la legislazione cinese, secondo cui è dovere di ogni azienda rendere chiaro l’impiego di un’IA agli utenti. «L’essere umano ha sempre il pieno controllo», ha risposto Collette Stallbaumer, responsabile del programma Microsoft 365. «Non ti dico se mi sono fatto aiutare da un assistente digitale, ma partecipo sempre al suo utilizzo. Ho in mano il controllo della situazione». Altri critici hanno sollevato preoccupazioni infine anche sulla perdita potenziale di posti di lavoro a vantaggio dei software.

Basato su ChatGpt, Microsoft Copilot sarà disponibile dall'1 novembre su Windows 11. Così l'intelligenza artificiale entra nell'ufficio.
Microsoft Copilot si basa su ChatGpt (Getty Images).