Migranti, dopo Msf si fermano anche Sea Eye e Save the Children

Migranti, dopo Msf si fermano anche Sea Eye e Save the Children

13 Agosto 2017 17.16
Like me!

Dopo Medici Senza Frontiere, anche le Ong Sea Eye e Save the Children fermano le navi impegnate davanti alla Libia nel soccorso ai migranti: non ci sono le condizioni di sicurezza per andare avanti e non può di conseguenza essere garantita l'efficacia delle operazioni. In meno di 24 ore, dunque, lasciano – almeno temporaneamente – tre delle otto Ong che negli ultimi 20 mesi non hanno mai abbandonato le acque internazionali davanti ai porti libici, salvando migliaia di migranti: 46.796 persone nel 2016, circa 38% del totale di quelle sbarcate; 12.646 nei primi quattro mesi del 2017, vale a dire il 35% del totale.

AL MOMENTO ATTIVA SOLO LA NAVE AQUARIUS. Considerando inoltre che la Juventa – la nave della Ong Jugend Retted – è sotto sequestro a Trapani e che le imbarcazioni di Proactiva Open Arms, Seawatch e Moas sono attualmente in porto a La Valletta, a fare attività di ricerca e soccorso davanti alla Libia in questo momento c'è rimasta soltanto nave Aquarius di Sos Mediterranee.

L'ATTACCO A LIBIA, ITALIA E UE. Quella delle Ong è però una 'ritirata' piena di accuse: alla Libia, innanzitutto, per le minacce subite dalla Guardia Costiera e per l'annuncio di Tripoli di voler creare una zona di ricerca e soccorso (Sar) molto più ampia delle acque territoriali, nella quale sarà possibile entrare solo dopo aver avuto l'autorizzazione delle autorità libiche. Ma anche all'Italia e all'Europa, «corresponsabili» e «complici» del blocco che si sta creando e che, dicono, «contribuirà ad aumentare i morti nel Mediterraneo».

CAMPOS: «È QUELLO CHE VUOLE L'EUROPA». «Questo è quello che vuole l'Europa» ha scritto il fondatore di Proactiva, Oscar Campos. I primi ad annunciare la decisione di fermarsi, sono stati quelli di Sea Eye. «Cari amici – ha scritto il direttore della Ong Michael Buschheuer – in queste condizioni non è possibile proseguire il nostro lavoro di salvataggio, sarebbe irresponsabile nei confronti dei nostri equipaggi». Il motivo, appunto, è l'annuncio del governo libico sulla Sar Zone e la «minaccia esplicita alle Ong private».

SAVE THE CHILDREN: «DOBBIAMO FERMARCI». Poco dopo è arrivata la comunicazione di Save the Children. «Siamo rammaricati ma dobbiamo fermarci – dice l'organizzazione – Siamo di fronte ad una situazione molto preoccupante per lo staff e per la reale capacità della nave di mettere in atto la propria missione di soccorso». Save the children, assicura il direttore delle operazioni Rob MacGillivray, «è pronta a riprendere le operazioni. Ma prima dobbiamo avere rassicurazioni sulla sicurezza degli equipaggi e sull'efficacia delle operazioni».

STC: «SCELTE CHE FARANNO AUMENTARE I MORTI». E come già ieri aveva fatto Msf, anche Save the Children sottolinea che l'assenza delle navi umanitarie produrrà nuove morti nel Mediterraneo e che riportare i migranti in Libia significa consegnarli a chi non rispetta i diritti umani. «Ciò che è chiaro è che molte vite potrebbero essere messe in pericolo» ha ribadito MacGillivray, che poi ha aggiunto: «le tantissime testimonianze che abbiamo raccolto da bambini e ragazzi parlano di violenze e abusi gravissimi subite anche dai bambini e dalle bambine più piccole. Preoccupa fortemente il fatto che migliaia di persone possano rimanere nei centri di detenzione libici».

AQUARIUS: «PER IL MOMENTO CONTINUIAMO». Save the Children si dice anche pronta a valutare la possibilità di operare in Libia, «qualora vi siano le giuste condizioni di rispetto dei diritti umani». Chi non ha ancora abbandonato è invece Sos Mediterranee. L'Aquarius si trova davanti a Tripoli e per tutto il giorno ha avuto vicino la C-Star, la nave anti migranti di Defend Europe. «Oltre a salvare vite, la nostra priorità è garantire la massima sicurezza del nostro equipaggio – dice la Ong – Fino a che questa continua ad essere garantita, rimarremo in zona, salvando imbarcazioni in pericolo e prevenendo il ritorno forzato delle persone soccorse in Libia».

FRATOIANNI: «GOVERNO COMPLICE DELLA TRAGEDIA». In ogni caso «limitare l'accesso e le attività delle Ong causerà, ancora una volta, un incremento di morti e sofferenza nel Mediterraneo». E intanto la decisione delle Ong di fermarsi rischia di spaccare nuovamente il Pd e la sinistra. «Il nostro governo – dice il coordinatore di Si Nicola Fratorianni – è complice di una grande tragedia e questo è inaccettabile». «L'obiettivo, che purtroppo si sta realizzando – aggiunge il capogruppo al Senato Loredana De Petris – è cacciare le Ong in modo che nessuno può controllare il comportamento della Guardia Costiera libica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *