Sospeso il procedimento sul fair play finanziario contro il Milan

L'Uefa ha deciso di attendere l'esito del ricorso al Tas per le sanzioni relative al triennio 2014-2017. Se la sentenza non dovesse arrivare in tempi brevi, i rossoneri andrebbero comunque in Europa League.

05 Giugno 2019 18.20
Like me!

Il Milan guadagna tempo nella partita sul fair play finanziario. L’Uefa ha infatti deciso di sospendere il procedimento contro il club rossonero, accusato di non avere rispettato il requisito del pareggio di bilancio nel triennio 2015-2018.

LEGGI ANCHE: Palomba eletto presidente dei piccoli azionisti del Milan

IL RICORSO CONTRO LE SANZIONI PRECEDENTI

Ogni eventuale giudizio viene quindi rinviato, in attesa dell’esito del ricorso presentato dal Milan contro le sanzioni già varate in precedenza e relative al triennio 2014-2017. A pronunciarsi deve essere il Tas, chiamato a esaminare la sentenza che ha ordinato al Milan di conseguire il pareggio di bilancio entro il 2021, comminato ai rossoneri una multa di 12 milioni di euro e imposto restrizioni sull’iscrizione della rosa alle competizioni europee.

RIPERCUSSIONI SU ROMA E TORINO IN OTTICA EUROPA LEAGUE

Adesso tutto dipende dalla tempistica. Occorre infatti capire quando sarà calendarizzata l’udienza, anche perché in ottica Europa League i margini sono piuttosto stretti. Il verdetto sul Milan condiziona anche la partecipazione della Roma o, in caso di squalifica dei rossoneri, del Torino ai preliminari. Ma se il Tas non dovesse sentenziare in tempo, per i rossoneri scatterebbe automaticamente il semaforo verde.

IL COMUNICATO DELL’UEFA

Ecco il testo completo della nota con cui l’Uefa ha comunicato la sospensione del procedimento contro il Milan: «La Camera giudicante dell’Organo di controllo finanziario dei club (Cfcb) ha ordinato una sospensiva procedurale del procedimento contro l’Ac Milan in relazione al mancato rispetto dei requisiti di pareggio di bilancio durante il periodo di monitoraggio fissato nella stagione 2018/19 e riferito agli esercizi conclusisi nel 2016, 2017 e 2018. La sospensione della procedura rimarrà in essere fino al pronunciamento del Tas in merito al procedimento attualmente in corso inerente alla sanzione imposta al club per il mancato rispetto dei requisiti di pareggio di bilancio per gli esercizi conclusisi nel 2015, 2016 e 2017».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *