Milano, 2 residenti su 3 arrivano dal Nord Italia

Redazione
21/08/2012

Cambiano i tempi, ma Milano resta un centro attrattivo per gli italiani e gli stranieri che scelgono questa città per...

Milano, 2 residenti su 3 arrivano dal Nord Italia

Cambiano i tempi, ma Milano resta un centro attrattivo per gli
italiani e gli stranieri che scelgono questa città per motivi di
studio o di lavoro.
Nei primi sei mesi del 2012, 9.672 italiani hanno ottenuto la
residenza a Milano, a conferma di un trend che non conosce
flessioni negli ultimi decenni.
Tra gli stranieri della zona Ue, in testa i romeni seguiti da
francesi e inglesi.
A differenza degli Anni Cinquanta e Sessanta, però, quando la
maggior parte degli ‘immigrati’ proveniva dal Sud Italia,
oggi due neo residenti su tre arrivano dal Nord della Penisola:
6.607 (di cui 5.008 dalla Lombardia, 547 dal Piemonte, 377
dall’Emilia Romagna) nella prima metà del 2012.
618 PERSONE DALLA CAMPANIA. Sempre nel 2012 si
sono registrate all’anagrafe 2.107 persone originarie del
Mezzogiorno (in testa la Campania con 618 persone, a seguire la
Puglia con 523 e la Sicilia con 472), solo 958 gli arrivi dal
centro Italia (di cui 360 dal Lazio e 253 dalla Toscana).
In coda ci sono le due regioni più piccole e meno popolate
d’Italia: la Valle D’Aosta con 17 neo iscritti
all’anagrafe di Milano e il Molise con 22.

Negli Anni ’90 guidava la classifica la Puglia col 7,15% di
neo residenti

Un quadro della città diverso anche da quello offerto negli Anni
Ottanta e Novanta, con i primi cinque posti della classifica
(fatta eccezione per la Lombardia, in testa anche allora)
saldamente in mano alle Regioni meridionali: nel 1990, infatti,
il 7,15% dei neo residenti a Milano era pugliese, il 6,66%
siciliano, il 5,52% campano e il 4,01% calabrese. ‘Solo’
sesto il Piemonte con il 3,81%.
«Rispetto al passato», ha spiegato l’assessore comunale ai
Servizi civici Daniela Benelli «è cambiata la geografia
dell’immigrazione, come dimostrano i numerosi nuovi residenti
che provengono dal Piemonte e dall’Emilia
Romagna». 
MILANO META FRANCESE. Allargando lo sguardo
oltre confine, tra i Paesi della zona Ue è la Romania a guidare
la classifica dei trasferimenti nel capolougo lombardo, con 172
neo milanesi nei primi sei mesi del 2012. Seguono i francesi
(100), gli inglesi (79), gli spagnoli (70), i tedeschi (56), gli
olandesi (14), i lussemburghesi (11).
Fuori dall’Unione europea, nel 2012 ci sono stati 52 arrivi
dagli Stati Uniti, 45 dalla Svizzera, 31 dal Giappone, 11 da
Israele.
Infine una curiosità: nel 2012 gli uffici dell’anagrafe
hanno registrato un neo milanese proveniente dal Principato di
Monaco. Per quanto riguarda le fasce d’età, tre neo
residenti su 10 sono giovani tra i 18 e 30 anni, quasi sei su 10
sono over 30, mentre solo uno su 10 è under 18.