Profilo di Mimmo Lucano, sindaco di Riace

02 Ottobre 2018 13.43
Like me!

Un personaggio che ha sempre diviso il mondo politico: difeso a spada tratta dalla sinistra e da intellettuali come Roberto Saviano e criticato dalla destra, con in testa il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Il sindaco di Riace, Mimmo Lucano, arrestato il 2 ottobre dalla Guardia di finanza e posto ai domiciliari su disposizione della Procura di Locri, ha fatto dell'impegno in favore dell'accoglienza dei migranti la sua "bandiera" politica, trasformando il borgo di Riace, altrimenti destinato allo spopolamento se non addirittura all'abbandono, una realtà viva e palpitante. E questo grazie alla presenza di centinaia di immigrati che, proprio a Riace, hanno trovato non soltanto accoglienza, ma anche un futuro grazie all'avvio di svariate attività economiche. Un impegno che nel 2016 ha indotto la rivista americana Fortune a inserire Mimmo Lucano nella classifica dei 50 personaggi più influenti al mondo. «Quello che viene da Riace», ha spiegato in più di una occasione, «con la nostra esperienza di accoglienza realizzata in un paese povero e abbandonato dell'interno della Calabria, è un messaggio di umanità che può essere preso come esempio da tutti e replicato in qualsiasi altra parte del mondo, se solo si ha la volontà di farlo e se si è spinti da un vero senso di altruismo e di solidarietà».

LA FICTION SU RIACE "CONGELATA" DALLA RAI

Il segnale più evidente della polarità raggiunta da Lucano viene dalla decisione della Rai di realizzare una fiction su di lui, con il ruolo del sindaco di Riace affidato a Beppe Fiorello. Una fiction bell'e pronta, che è stata però riposta in un cassetto, e lì giace ormai da mesi, nel momento in cui si è appreso dell'inchiesta che la Procura della Repubblica ha avviato su presunti illeciti di cui Lucano si sarebbe reso responsabile nella gestione dei finanziamenti governativi per l'accoglienza dei migranti. La sospensione della fiction da parte della Rai ha suscitato a suo tempo l'amarezza dello stesso Lucano. «Sono assolutamente rispettoso delle decisioni che saranno prese dalla magistratura», ha commentato all'epoca il sindaco. «Quello che posso dire è che così come rispetto le decisioni della Rai in merito alla fiction non riesco però a capire quale sia il collegamento tra il programma e l'esito dell'inchiesta». E proprio Beppe Fiorello è ancora oggi tra i più strenui difensori del primo cittadino di Riace. «Crederò in te più di prima», ha twittato l'attore alla notizia dell'arresto. «Qualcuno si porterà sulla coscienza la vita di un uomo straordinario,io lo so che Mimmo non sopporterà questa vergogna, ora cerco parole per difenderlo ma mi rendo conto che non va più difeso, va amato come lui ama il prossimo». (Vedi anche: le reazioni social all'arresto di Mimmo Lucano).

LE MONETE CON IL CHE E MARTIN LUTHER KING

Tra le iniziative "inventate" da Lucano in favore dei migranti anche una "moneta", sotto forma di banconote fatte stampare dal Comune, per effettuare acquisti di generi di prima necessità nei negozi appositamente convenzionati con l'ente. I titolari dei negozi venivano poi rimborsati dal Comune nel momento in cui arrivavano i fondi europei per l'accoglienza dei migranti. Sulle banconote Lucano fece stampare le foto di personaggi-simbolo, come Che Guevara a Martin Luther King.

Mimmo Lucano: “Così i migranti hanno cambiato Riace”

DOMANDA. Lei sembra contrario ai soliti centri di accoglienza diffusi sul territorio nazionale e agli hotspot da poco nati. RISPOSTA. Sì, e ho avuto anche modo di visitarne alcuni in Svizzera. Non mi piacciono perché totalmente avulsi dalla realtà sociale e perché non permettono l’integrazione. D.

Lucano è anche arrivato ad attuare lo sciopero della fame per protestare contro la sospensione dei finanziamenti governativi a sostegno del progetto di accoglienza dei migranti a Riace. Sospensione scaturita anche da un'ispezione effettuata dalla Prefettura di Reggio Calabria. «Ho deciso di fare lo sciopero della fame», aveva spiegato il sindaco, «perché stiamo subendo una grave ingiustizia. Vogliono penalizzare Riace. Siamo ad un punto di non ritorno. È una grave discriminazione quella che si sta portando avanti ai nostri danni. Se si vuole chiudere con l'esperienza di Riace, bene: lo si dica a chiare lettere senza fare riferimento ad anomalie burocratiche». Il suo impegno in favore dei migranti lo ha spinto ad assumere iniziative clamorose anche in occasione di vicende politiche importanti come quella della nave Aquarius, senza porti nel Mediterraneo. «Siamo pronti», aveva assicurato, «ad accogliere subito, in cambio di nulla tutti i minori non accompagnati e le donne in stato di gravidanza che si trovano sull'Aquarius. Sono sicuro che la rete di solidarietà internazionale non ci lascerà da soli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *