La minaccia degli Houthi: «Con il comando dell’Operazione Aspides l’Italia mette a repentaglio le sue navi»

Redazione
10/02/2024

«Colpiremo quelle che aggrediscono lo Yemen o che ostacolano la decisione di impedire alle imbarcazioni israeliane di attraversare il Mar Rosso», ha dichiarato un rappresentante del gruppo armato, che sta mettendo in crisi i traffici marittimi. Tajani: «Non ci faremo intimidire».

La minaccia degli Houthi: «Con il comando dell’Operazione Aspides l’Italia mette a repentaglio le sue navi»

Nuove minacce all’Italia da parte degli Houthi, l’organizzazione yemenita filo-iraniana che sta mettendo in crisi i traffici marittimi nel Mar Rosso. Assumendo il comando tattico dell’Operazione Aspides varata dall’Unione Europea, l’Italia «mette a repentaglio la sicurezza delle sue navi militari e commerciali», ha dichiarato in un’intervista all’Adnkronos Nasr al-Din Amer, vice capo dell’autorità per i media del gruppo e presidente del cda dell’agenzia di stampa Saba.

«Non consigliamo all’Italia di impegnarsi in questa missione»

«Colpiremo le navi che aggrediscono il nostro Paese o che ostacolano la decisione di impedire alle navi israeliane di attraversare il Mar Rosso. Questo deve essere chiaro, ha detto Nasr al-Din Amer: «Non consigliamo assolutamente all’Italia di impegnarsi in questa missione perché si tratta è basata su informazioni false ed errate secondo cui esiste un pericolo per la navigazione». Il rappresentante degli Houthi ha ribadito che «non esiste alcuna minaccia per la navigazione in generale, ma solo per le navi israeliane, americane e britanniche che transito attraverso il Mar Rosso, Bab al-Mandab, il Mar Arabico e il Golfo di Aden a causa della loro aggressione allo Yemen».

La minaccia degli Houthi: «Con il comando dell'Operazione Aspides l'Italia mette a repentaglio le sue navi».
Antonio Tajani (Getty Images).

Tajani: «Proteggeremo le nostre navi e non ci faremo intimidire»

«Proteggeremo le nostre navi e non ci faremo intimidire», ha replicato il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani: «Ci auguriamo si possa presto arrivare a una soluzione positiva in quell’area, che si possa arrivare alla pace, anche se non è facile, quindi anche disinnescare anche ciò che sta accadendo nello Yemen con i ribelli Houthi che attaccano i mercantili che passano nel Mar Rosso».