Come si creano mobili e materiali da costruzione dai rifiuti

Come si creano mobili e materiali da costruzione dai rifiuti

06 Aprile 2019 16.09
Like me!

L'arredo del futuro sarà fatto con i rifiuti casalinghi. Ad esempio, non stupitevi se, facendo colazione all'interno dell'aeroporto di Milano Linate, il cameriere vi dirà che siete seduti su fondi di caffè. Anzi, già oggi questo accade al "Puro Gusto" di Autogrill che è arredato con tavolini, banco e pannelli a parete interamente realizzati con un materiale innovativo e realizzato appunto con gli scarti per la preparazione di questa bevanda. L'idea è venuta al gruppo Autogrill che ogni anno serve più di 100 milioni di tazzine nei suoi punti ristoro lungo la Penisola e che ha brevettato un nuovo materiale realizzato appunto con i fondi: battezzato Wascoffee, è 100% naturale, completamente riciclabile e utile per la realizzazione di elementi di arredo di ecodesign.

LA FILIERA ITALIANA DEL RICICLO

Il progetto è stato portato avanti in collaborazione con Cmf Greentech, azienda innovativa italiana specializzata in prodotti ecosostenibile e ha visto Costagroup come partner creativo degli arredi e il dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano per implementare insieme ad Autogrill il piano di utilizzo del nuovo materiale a livello nazionale e internazionale. Il primo utilizzo di Wascoffee è stato nel bistrot milanese di City Life a fine 2017. Il materiale, che è stato recentemente utilizzato anche in Francia e Turchia, approderà poi Oltreoceano nel 2020 all’aeroporto di San Francisco.

Dai prodotti assorbenti ritrattati materiali per arredi urbani

DAI FONDI DI CAFFÈ AI FUNGHI COMMESTIBILI

Autogrill non è la sola società italiana impegnata nell'economia circolare nel settore del caffè. Lavazza, ad esempio, assieme a Novamont negli scorsi anni hanno portato avanti un progetto di raccolta e riutilizzo di fondi esausti di caffè come supporto per la produzione di funghi commestibili. Durante i sei mesi di Expo i fondi di caffè – raccolti giornalmente da Amsa (Azienda Milanese Servizi Ambientali) nel punto ristoro della Lavazza – sono stati miscelati con spore e posti in speciali silos. Grazie a una procedura particolare sperimentata in Francia per ogni chilo di fondi di caffè sono stati ottenuti 300 grammi di funghi commestibili della famiglia Pleorotus Ostreatus. I fondi di caffè, infatti, sono particolarmente adatti a essere utilizzati come compost perché sono ricchi di sostanze nutrienti, mentre il materiale di scarto ottenuto dopo le diverse fioriture dei funghi è stato utilizzato come concime per le coltivazioni agricole.

ANCHE I PANNOLINI HANNO UNA SECONDA VITA

Passando dall'alimentare all'health care, la tecnologia permette oggi di riutilizzare quei rifiuti sanitari che fino a oggi nessuno è riuscito a riciclare. Come i pannolini: anch'essi possono diventare materia prima ritrattata per arredi urbani, utensili domestici, materiali da costruzione e persino cavi sottomarini. Pannolini e assorbenti, infatti, sono considerati un problema ambientale: in Italia ogni minuto se ne utilizzano circa 7.000, che in 12 mesi vanno a formare una montagna di 900.000 tonnellate che finisce dritta nell’immondizia indifferenziata, anche se 12 milioni di italiani sono serviti da una raccolta differenziata ad hoc per i prodotti assorbenti, soprattutto nel Nord Est e in alcuni comuni nel Centro Italia e in Puglia.

LA FRONTIERA DEL RICICLO SI ALLARGA

Questi dati sono ben noti ai tecnici di Fater Smart, un impianto della società Fater Spa, joint venture tra Procter & Gamble e gruppo Angelini che produce le linee Pampers, Lines e Tampax. L'impianto, unico al mondo, è in grado di trattare, a regime, 10.000 tonnellate l’anno di prodotti assorbenti usati, servendo una popolazione di circa 1 milione di persone. Se la tecnologia di Fater Smart entrasse a pieno regime, in Italia si riuscirebbe a evitare un volume di rifiuti pari a 2 volte quello del Colosseo, emissioni di Co2 pari a quelle generate ogni anno da 100.000 automobili e a produrre 270.000 tonnellate l'anno di materia prima riciclata di elevata qualità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *