Mohammed VI vola in Francia

Redazione
31/01/2011

Che il re del Marocco Mohammed VI vada in Francia e incontri il presidente Sarkozy non sarebbe di per sé...

Che il re del Marocco Mohammed VI vada in Francia e incontri il presidente Sarkozy non sarebbe di per sé una notizia rilevante, in tempi normali. Invece il fatto che il sovrano marocchino sia arrivato «discretamente» in Francia, nella notte del 27 gennaio, nel castello che la famiglia possiede a Betz proprio nel momento in cui la rivolta nel Nord Africa sia divampata anche in Egitto (leggi la cronaca della rivolta egiziana) ha sollevato dubbi e qualche speculazione.
GLI INCONTRI SEGRETI. «Perché», si è chiesto il sito d’informazione Rue89, «anche se il Marocco sembra per il momento al riparo dall’onda della protesta, il re ha sentito il bisogno di lasciare il regno e isolarsi nella sua residenza francese?».
Ali Lmrabet, redattore marocchino d’esperienza e caporedattore del settimanale Le Journal ha avanzato l’ipotesi che Mohammed VI fosse arrivato in Francia per incontrare segretamente Sarkozy e discutere della situazione del Paese.
MANOVRE NEL DESERTO. Sempre secondo le indiscrezioni raccolte da Lmrabet, alcune truppe sarebbero state raggruppate dal Sahara per essere pronte a intervenire nella capitale Rabat e a Casablanca.
Il condizionale è d’obbligo visto che nulla ha confermato queste manovre nel deserto. Anzi, il 30 gennaio le autorità marocchine hanno smentito categoricamente l’invio di truppe a Casablanca o in altri centri. Una smentita che, però, non ha riguardato il viaggio del re in Francia.