Falso elettorale, chiesti otto mesi di reclusione per Riccardo Molinari

Redazione
10/11/2023

Nel 2020 il capogruppo della Lega alla Camera avrebbe partecipato alla manomissione dell'elenco dei candidati alle Comunali di Moncalieri. Il pm: «È il minimo della pena».

Falso elettorale, chiesti otto mesi di reclusione per Riccardo Molinari

Otto mesi di reclusione. È la condanna chiesta dalla procura di Torino per Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera dei deputati, e per altre due persone processate del capoluogo piemontese per un presunto falso elettorale. Il pubblico ministero Gianfranco Colace ha specificato che si tratta del «minimo della pena». La vicenda si riferisce alle elezioni comunali a Moncalieri (provincia di Torino) del 2020, quando dall’elenco dei candidati fu depennato il nome di un ex di Forza Italia appena approdato alla Lega.

Falso elettorale, chiesti otto mesi per Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera. Il pm: «È il minimo della pena».
Riccardo Molinari (Imagoeconomica).

Molinari è accusato di aver manomesso la lista elettorale, escludendo il candidato Stefano Zacà

Molinari è accusato di aver manomesso la lista elettorale, in concorso con un altro parlamentare leghista, Alessandro Manuel Benvenuto, e al militante del Carroccio Fabrizio Bruno, cancellando il nome sgradito di Stefano Zacà – storico esponente locale di Forza Italia che aveva deciso di candidarsi con la Lega – prima che venisse depositata, ma dopo che erano state apposte le firme degli elettori.