Mondragone, donna trovata morta in un baule: la figlia indagata parla di incidente domestico

Redazione
11/12/2023

Il cadavere della 77enne era in stato di decomposizione avanzata. Con lei viveva una delle figlie, su cui pende l'accusa di occultamento di cadavere. Ha dichiarato di averla nascosta, dopo il decesso, perché non aveva i soldi per il funerale.

Mondragone, donna trovata morta in un baule: la figlia indagata parla di incidente domestico

Il caso della donna di 77 anni trovata morta all’interno di un baule sigillato con del nastro adesivo tiene banco a Mondragone, in provincia di Caserta. La Procura di Santa Maria Capua sta portando avanti le indagini per ricostruire la vicenda. Cruciale sarà l’autopsia, già disposta dalle autorità. Intanto è stato aperto un fascicolo per occultamento di cadavere con un solo nome iscritto nel registro degli indagati. Si tratta di quello della figlia di 40 anni che viveva con la vittima.

La figlia ha raccontato di un incidente domestico

La donna, interrogata dai carabinieri, ha raccontato che la madre sarebbe morta dopo un incidente domestico, battendo la testa in casa. Nella sua versione dei fatti, la 40enne non avrebbe avuto i soldi per organizzare i funerali dell’anziana e per questo ha deciso di chiudere e sigillare il suo corpo nel baule. I carabinieri del reparto territoriale di Mondragone, però, hanno accertato che la donna ha percepito due mensilità di pensione della madre defunta. L’autopsia dovrà stabilire se la 77enne è morta in effetti per un incidente domestico o è stata uccisa.

A trovare il corpo è stata l’altra figlia

A trovare il cadavere della anziana, in avanzato stato di decomposizione, è stata l’altro ieri un’altra figlia della vittima, che vive e lavora in Abruzzo, tornata a Mondragone perché preoccupata. Ha infatti riferito che da settimane non riusciva a mettersi in contatto con la madre, malgrado provasse a chiamarla e a inviarle messaggi ricevendo solo risposte dal suo cellulare nelle quali diceva di non poter parlare ma di stare bene. Sabato 9 dicembre, però, la donna si è recata a casa della madre e dopo avere fatto la macabra scoperta ha subito chiamato i carabinieri.