La tela di Monet venduta per la cifra record di 110 milioni di dollari

La tela di Monet venduta per la cifra record di 110 milioni di dollari

L'opera appartiene alla serie dei Covoni. Venticinque esemplari, di cui solo otto in mano a privati. Dal XIX secolo a oggi, breve storia del dipinto battuto all'asta da Sotheby's.

15 Maggio 2019 06.25

Like me!

Una tela del pittore francese Claude Monet è stata acquistata per 110,7 milioni di dollari in un'asta organizzata da Sotheby's a New York. Si tratta di un record per l'artista durante un' asta, con una somma che è tra le 10 più alte mai battute a una vendita all'incanto.

UNA SERIE DI 25 OPERE, OTTO IN MANO A PRIVATI

La tela appartiene alla cosiddetta serie dei "Covoni", o Les Meules, 25 opere aventi come soggetto i "mucchi di fieno", elementi particolarmente ricorrenti nella pittura dell'artista impressionista. Questi meules si trovavano in un campo vicino alla casa di Monet a Giverny, in Normandia, e sono stati dipinti tra il 1890 e il 1891. La tela in questione è una delle otto rimaste in mano a privati. Gli altri 17 esemplari rientrano in diverse collezioni museali, al Metropolitan Museum of Art di New York, al Musée d'Orsay di Parigi, ma soprattutto all'Art Institute di Chicago, che ne ospita ben sei.

LA STORIA DEI COVONI, DAL XIX SECOLO A OGGI

Si tratta della prima volta che l'opera viene messa all'asta dal 1986. Il precedente record di prezzo era di 44 volte inferiore a quello registrato in quest'ultima vendita. L'asta ha avuto una durata di otto minuti, con sei offerenti che si sono sfidati per il Monet. Covoni fu acquistato dai ricchi collezionisti della famiglia Potter Palmer, direttamente dal rivenditore di Monet. Erano gli Anni 90 del XIX secolo. Stando alle informazioni giunte fino a noi, la signora Potter Palmer arrivò ad avere 90 opere dell'artista francese: otto di queste erano della serie dei Covoni. Quella venduta a Sotheby's, però, è l'unica che rimase con lei fino al momento della sua morte nel 1918. Passò di mano in mano, attraverso la famiglia Palmer, fino al 1986, quando fu comprata dagli ultimi proprietari per 2,53 milioni di dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *