Morto Antonio Juliano, storico capitano del Napoli

Redazione
13/12/2023

Indossò la maglia azzurra dal 1961 al 1978, vincendo due Coppe Italia. A lungo era stato il calciatore con più presenze nel club partenopeo. Da dirigente curò la trattativa che portò all'ingaggio di Maradona.

Morto Antonio Juliano, storico capitano del Napoli

Addio all’ex calciatore Antonio Juliano, storico capitano del Napoli, società di cui è stato anche dirigente. Di ruolo centrocampista, aveva indossato la maglia azzurra dal 1961 al 1978, collezionando in tutto 505 presenze. Con il club partenopeo aveva vinto due Coppe Italia, una Coppa delle Alpi e una Coppa di Lega Italo-Inglese. Avrebbe compiuto 81 anni tra pochi giorni.

Giocò 17 stagioni nel Napoli e poi da dirigente portò Maradona all’ombra del Vesuvio

Nato a Napoli il 26 dicembre del 1942, Juliano (detto “Totonno”) aveva legato la carriera alla maglia della sua città, indossando la fascia da capitano per 12 stagioni: a lungo era stato il calciatore azzurro con più presenze in tutte le competizioni, ben 505 (con 38 reti). Ad oggi è stato superato solo da Giuseppe Bruscolotti (511) e Marek Hamsik (520). Chiuse poi la carriera da giocatore nel Bologna nella stagione 1978-79. Tornato da dirigente al Napoli, curò l’acquisto di Ruud Krol e, nella la sessione estiva di mercato del 1984, la trattativa che portò all’ingaggio, dal Barcellona, di Diego Armando Maradona.

Vestì la maglia azzurra 18 volte: con l’Italia fu campione d’Europa nel 1968

Juliano aveva anche vestito la maglia della Nazionale 18 volte. Con l’Italia si era laureato campione d’Europa nel 1968 e fece anche parte della spedizione azzurra che fu battuta solo in finale dal Brasile al Mondiale del 1970. Anche se non fu mai utilizzato, partecipò anche al campionato del mondo 1966 in Inghilterra.