Chi era Rafi Eitan, leggenda del Mossad che prese l'Ss Eichmann

Chi era Rafi Eitan, leggenda del Mossad che prese l’Ss Eichmann

23 Marzo 2019 20.00
Like me!

È morto in Israele Rafi Eitan, ex ministro, ex leggendario ufficiale dello Shin Bet e del Mossad, agenzie di intelligence israeliane. Aveva 92 anni. Nel 1960 guidò la missione per catturare in Argentina Adolf Eichmann, il membro delle Ss responsabile tecnico della "Soluzione finale", lo sterminio di 6 milioni di ebrei. Eitan, nato il 23 novembre del 1926, fu anche l'uomo dell'intelligence israeliana che tenne le fila di Jonathan Pollard, la spia Usa che passò ad Israele molte informazioni segrete dall'estate del 1984 al novembre del 1985. La notizia della morte è stata annunciata dalla famiglia.

Il premier Benjamin Netanyahu l'ha definito «eroe di Israele» rendendo omaggio a chi ha servito il Paese in vari modi, non solo nell'intelligence. Nato nel kibbutz di Ein Harod, nell'allora Palestina sotto Mandato britannico, Eitan era figlio di due sionisti russi emigrati nel Paese tre anni prima. Tra i membri dell'Haganah, l'esercito clandestino ebraico, non ci mise molto a passare nel 1944 al "Palmach", unità d'elite delle imprese impossibili guidato da Yitzhak Sadeh. Fu lì che conobbe Yitzhak Rabin, il futuro premier: insieme aiutavano gli immigrati ebrei a entrare nel Paese aggirando i divieti inglesi. O liberandoli dai campi di detenzione, come quello di Atlit, dove erano stati rinchiusi dall'esercito britannico.

UN UOMO D'AZIONE: ATTRAVERSÒ PURE LE FOGNE

Eitan era un uomo d'azione: non a caso il suo soprannome era "Rafi the stinker" (Rafi il puzzolente) affibbiatogli nel 1946 quando aveva dovuto attraversare vari canali di scarico maleodoranti per far saltare ad Haifa il radar inglese sul Monte Carmelo che tracciava l'arrivo delle navi clandestine ebraiche. E fu lui a essere scelto per guidare la squadra (12 persone) che – su ordine di Ben Gurion e la supervisione sul campo di Isser Harel capo del Mossad di allora – avrebbe dovuto catturare e portare in Israele Eichmann.

BOMBARDAMENTO DEL REATTORE NUCLEARE IRACHENO

Fu lui per esempio a decidere di aspettare – al di là degli ordini ricevuti – l'arrivo di Eichmann che tardava il suo rientro a casa. Il 22 maggio, 11 giorni dopo i fatti di Calle Garibaldi, Eitan e la sua squadra atterrarono in Israele con un aereo dell'El Al: con loro c'era il tenente colonnello delle Ss. Da allora non si contano le missioni di Eitan: tra queste la programmazione e la realizzazione del bombardamento del reattore nucleare iracheno di Osirak nel giugno del 1981. O l'operazione – quando già aveva lasciato il Mossad – che portò al reclutamento di Jonathan Pollard, un'analista della Marina Usa, che, prima di essere arrestato e condannato, passò a Israele molti e importanti segreti militari americani.

FECE RESTITUIRE LE PROPRIETÀ RUBATE DURANTE LA SHOAH

Dopo un breve rientro nell'intelligence per volontà dell'allora premier Begin, Eitan scelse il privato e diventò anche consigliere del MI6 inglese per la questione nord-irlandese. Quindi la politica come ministro dal 2006 al 2009 e in quel caso si occupò di far restituire le proprietà ebraiche rubate durante la Shoah. Il direttore del Mossad Yossi Cohen ricordando Eitan ha ammesso che «la grande maggioranza delle sue operazioni non può essere pubblicizzata, ma queste hanno contribuito grandemente alla sicurezza di Israele».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *